logo


  1. bob Rispondi
    "Il principio che affermo è semplicemente quello di legare maggiormente le sorti di un ateneo alla sua capacità di attrarre studenti, tramite la reputazione dei suoi docenti e ricercatori. Ciò non esclude naturalmente che oggi ci siano in Italia eccellenti studiosi ed eccellenti studenti, che in Italia (con forse maggiori difficoltà e sacrifici) o all’estero ottengono importanti risultati." Caro professore quello che Lei sostiene non si ottiene con leggi o imposizioni dall'alto si ottiene con un senso civico coltivato nel tempo e che forma la struttura stessa di un Paese civile. Al bambino si insegna a dire "grazie" e " buon giorno" successivamente si insegnano le regole (leggi) che devono avere un terreno di coltura per essere applicate e rispettate altrimenti appassiscono. Le Università in Italia sono state sviluppate come gli aeroporti ogni politico si faceva il suo, addirittura creando Facoltà ridicole pur di "riempire il contenitore". Questo è il problema di fondo da qui bisogna partire. Un aeroporto ad Albenga non può esistere ....per dirla con una battuta