Lavoce.info

Effetto Jobs act sul mercato del lavoro?

grafico inps rifatto immagine

Fonte: INPS – elaborazione al 10 Dicembre 2015

Campo di osservazione: archivi Uniemens dei lavoratori dipendenti privati esclusi lavoratori domestici e operai agricoli. Sono compresi i lavoratori degli enti pubblici economici.

Nel grafico sono evidenziati i cambiamenti tendenziali annualizzati nel numero di posti di lavoro negli ultimi due anni, per tipo di contratto. Prendiamo la linea blu quella dei contratti a tempo indeterminato. Come si evince, a partire da gennaio 2015 i posti di lavoro a tempo indeterminato sono iniziati ad aumentare rispetto allo stesso periodo del 2014. A ottobre 2015, vi sono circa 400mila posti a tempo indeterminato in più rispetto a a ottobre 2014.
Cosa possiamo imparare, rispetto al Jobs act, da questo grafico? E’ difficile trarre conclusioni. Dal mese di gennaio di quest’anno è operativa la decontribuzione per nuovi assunti a tempo indeterminato mentre da fine marzo è operativo il nuovo contratto. Certamente hanno avuto un ruolo importante entrambe le politiche, anche se dal grafico si evicne un boom già a partire dei primi mesi del 2015, quando solo la decontribuzione era operativa.
A partire da gennaio, la decontribuzione sarà notevolmente ridotta, mentre il nuovo contratto a tutele crescenti sarà ancora operativo. Nei prossimi mesi continueremo a monitorare questi dati per avere maggiori certezze.

Lavoce è di tutti: sostienila!

Lavoce.info non ospita pubblicità e, a differenza di molte altre testate, l’accesso ai nostri articoli è completamente gratuito. L’impegno dei redattori è volontario, ma le donazioni sono fondamentali per sostenere i costi del nostro sito. Il tuo contributo rafforzerebbe la nostra indipendenza e ci aiuterebbe a migliorare la nostra offerta di informazione libera, professionale e gratuita. Grazie del tuo aiuto!

Precedente

Cos’è cambiato con la riforma Gelmini

Successivo

Più equità nel sistema assistenziale

  1. and

    Buongiorno da gennaio 2016 la riduzione sarà di 3.250 sul 40% e non più sul totale. In soldoni se prima si ragionava in uno sconto fiscale di circa 8.000 con una retribuzione lorda di circa 25.000 ora i termini sono 3.250 di sconto massimo a fronte di una retribuzione di circa 40.000, perciò saranno ben pochi i contratti (e magari concentrati nella logistica, settore in trasformazione che cambia e che cresce). L’impennata dei tempo indeterminato é dato dalla voltura dei contratti coco…..e da tutti quei contratti “non contratti” figli di improvvisati del passato e purtroppo non dalla creazione di posti di lavoro. Nel 2016 sarà duro un risultato del genere e ci saranno incrementi dei voucher, la nuova frontiera del nero legalizzato all’italiana.

  2. and

    Buongiorno da gennaio 2016 la riduzione o sconto fiscale sarà di 3.250 sul 40% e non più sul totale. In soldoni se prima si ragionava in uno sconto fiscale di circa 8.000 con una retribuzione lorda di circa 25.000 ora i termini sono 3.250 di sconto massimo a fronte di una retribuzione di circa 40.000, perciò saranno ben pochi i contratti (e magari concentrati nella logistica, settore in trasformazione che cambia e che cresce). L’impennata dei tempo indeterminato é dato dalla voltura dei contratti coco…..e da tutti quei contratti “non contratti” figli di improvvisati del passato e purtroppo non dalla creazione di posti di lavoro. Nel 2016 sarà duro un risultato del genere e ci saranno incrementi dei voucher, la nuova frontiera del nero legalizzato all’italiana.

Lascia un commento

Non vengono pubblicati i commenti che contengono volgarità, termini offensivi, espressioni diffamatorie, espressioni razziste, sessiste, omofobiche o violente. Non vengono pubblicati gli indirizzi web inseriti a scopo promozionale. Invitiamo inoltre i lettori a firmare i propri commenti con nome e cognome.

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén