Lavoce.info

È un sindacato per vecchi

L’Inps ha messo a disposizione per la prima volta i dati sui pensionati iscritti al sindacato. Scopriamo finalmente che la percentuale di pensionati iscritti aumenta fortemente con l’età. Il grafico mostra che dal 35 per cento di pensionati under 65 iscritti a un sindacato si passa al 53 per cento per gli over 79. Ancora non sappiamo quale sia l’evoluzione delle iscrizioni tra i lavoratori e nelle classi di età più giovani ma questo trend così marcato pone forti interrogativi sulla reale capacità di rappresentanza del sindacato tra i lavoratori attivi le cui istanze rischiano di essere molto spesso in antagonismo con quelle di chi già riceve una pensione.
grafico_INPS

Lavoce è di tutti: sostienila!

Lavoce.info non ospita pubblicità e, a differenza di molte altre testate, l’accesso ai nostri articoli è completamente gratuito. L’impegno dei redattori è volontario, ma le donazioni sono fondamentali per sostenere i costi del nostro sito. Il tuo contributo rafforzerebbe la nostra indipendenza e ci aiuterebbe a migliorare la nostra offerta di informazione libera, professionale e gratuita. Grazie del tuo aiuto!

Precedente

Su cosa si gioca la credibilità della Bce

Successivo

La Rai al bivio

  1. Luciano

    A mio parere le percentuali sono in progressione e quella più alta comprende quelle precedenti. Pertanto va letto per es. così: oltre 79 anni 53% comprende il totale dei pensionati iscritti al sindacato mentre il 47% (comlemento a 100) non è iscritto.

  2. Gian Paolo

    Vorrei solo segnalare che molti degli iscritti al sindacato in quelle fasce di età lo sono solo per potersi avvalere dei servizi fiscali cui devono ottemperare, e solo per quel motivo.

  3. Carlo Grancini

    Ho sempre pensato che uno stesso sindacato non possa contemporaneamente rappresentare lavoratori attivi e pensionati. Gli interessi confliggono.

    • Massimo Gandini

      Infatti è una contraddizione, l’ interesse del pensionato è acquisire quanto piu reddito possibile da quello prodotto dal lavoratore attivo. Poi con le varie riforme pensionistiche che si sono succedute la solidarietà intergenerazionale è andata a farsi friggere.

Lascia un commento

Non vengono pubblicati i commenti che contengono volgarità, termini offensivi, espressioni diffamatorie, espressioni razziste, sessiste, omofobiche o violente. Non vengono pubblicati gli indirizzi web inseriti a scopo promozionale. Invitiamo inoltre i lettori a firmare i propri commenti con nome e cognome.

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén