logo


  1. Piero Rispondi
    Draghi poteva fare solo questa manovra, solo che poteva farla prima. Gli stati non devono allentare la leva fiscale se non diminuiscono le spese, la soluzione del deficit spending non farà mai crescere il pil, anzi renderà più improduttiva l'intera Europa. Tuttalpiu si dovrà portare fuori dal 3% gli investimenti che a mio avviso devono essere finanziati con gli euro bond, il Presidente della Commissione ha detto che si devono fare 300 mld di investimenti, si devono dividere tra gli stati euro e finanziare con gli eurobond, questa è una manovra sensata, non quella di allentare la morsa fiscale se non vengono ridotte le tasse. Certo che il QE serve per fare crescere il reddito nominale al fine di potere pagare il debito statale, ricordo che con le ultime manovre di Draghi il debito è cresciuto in tutta l'Europa, il debito statale si potrà pagare solo con la moneta cattiva.
  2. andreag Rispondi
    L'acquisto di ABS è già previsto nel QE, e benchè non si tratti esplicitamente di acquisti di crediti deteriorati cartolarizzabili, comunque in quest'ultimo caso sorgetebbero sicuramente dei dubbi e perplessità circa la adeguatezza di mutualizzare e rendere pubbliche perditeche sono del settore privato. Nel caso di acquisti di abs deteriorate sarei perfettamente d'accordo che l'operazione venga svolta da una bad bank privata o comunque pubblica ma non sovranazionale e europea, e che il rischio rimanga in capo al singolo paese. Insomma stile FORB spagnolo. Quanto da Lei desiderato potrà farsi solo in futuro, una volta resa effettiva l'Unione Bancaria (vigilanza unica e regole uniformi europee di classificazione degli attivi). E comunque o si arriva allo Stato Federale o comunque rimarrà preferibile tenere il rischio a livello paese.
  3. Gianni Giaco' Rispondi
    Ma perché tutta questa esultanza per l'auspicato aumento dell'inflazione? Primo il potere d'acquisto della maggior parte delle famiglie e' stato falcidiato dall'introduzione dell'euro ad oggi, secondo un calo dei prezzi dello 0,2% non è deflazione ma calo fisiologico dei consumi anche per il primo punto. Ci guadagnano gli stati per l'erosione del debito e probabilmente aumenteranno i prezzi degli immobili. Ma la propaganda benaugurante e' stata martellante.
    • matteoZ Rispondi
      " potere d'acquisto della maggior parte delle famiglie e' stato falcidiato dall'introduzione dell'euro ad oggi " questa è vera come i coccodrilli albini nelle fogne di New York
      • Giovanni Teofilatto Rispondi
        Le quotazioni di Borsa sono il leverage del salario. Il debito non è correlato in leverage con il prodotto netto. L'inflazione di risparmio provoca stagnazione del P.I.L. e, quindi, il potere di acquisto non crea profitto. Indipendenza della Banca Centrale.
    • andreag Rispondi
      "Ci guadagnano gli Stati per l'erosione del debito"?!?! Ovviamente non le è chiaro il concetto di perdita di valore e la differenza fra valore reale e valore nominale. Se 'inflazione misura la perdita di capacità di acquisto e, specularmente, la perdita di valore reale di un bene, allora il suo contrario ne misura la crescita di valore reale, e così avverrà col debito. Riguardo al valore degli immobili, questo dipende da domanda e offerta e se i prezzi tendenzialmente scendono, la domanda attuale cala e si sposta nel futuro, ergo i prezzi scendono.