logo


  1. IC Rispondi
    La comparazione della ricchezza delle famiglie fra diversi paesi nasconde dei trabocchetti. I problemi non sorgono per la ricchezza finanziaria, ma per quella immobiliare. !00.000 EUro di BTP italiani hanno il medesimo valore se sono parte del patrimonio di una famiglia italiana o di una tedesca. Invece un appartamento a Roma posseduto da un funzionario ministeriale italiano vale circa il doppio di un appartamento della medesima dimensione e del medesimo standard posseduto a Berlino da un funzionaio ministeriale tedesco. Possiamo tranquillamente affermare che la famiglia di Roma sia molto più ricca di quella berlinese?
  2. Pier Luigi Tossani Rispondi
    Pongo l'attenzione sul fatto che comunque, a parte il prezzo dell'affitto, anche il prezzo dell'immobile è determinante. Per il fatto che, in generale, il diritto di proprietà attribuisce quella libertà di cui l'affittuario non gode. Ma, ancor più determinante, ove si ragioni di capitale, vi è il fatto della compartecipazione del lavoratore al capitale e alla gestione d'impresa, in forza del "capitale umano" da lui posseduto, vedi qui: http://lafilosofiadellatav.wordpress.com/fiatpomigliano-darcomelfi-come-mettere-a-frutto-la-lezione-di-pier-luigi-zampetti-per-risolvere-il-conflitto-tra-capitale-e-lavoro/. Il che ci porta al discrimine primario del fatto che tale concezione non riesce a esser compresa nell'orizzonte materialistico... attenzione... questo è un fatto assolutamente fondante, col quale ci andremo a confrontare sempre di più, man mano che la crisi avanza. se la vogliamo risolvere...
  3. antonio gasperi Rispondi
    L'analisi degli autori appare logicamente ineccepibile, tuttavia "il capitale è ritornato" non solo nella sua componente immobiliare ma soprattutto - in linea con il ragionamento di Pilketty - in termini di capitale finanziario. Allora, chiedo, quale peso avuto sui prezzi degli immobili la bolla speculativa che ha apparentemente gonfiato la ricchezza della ex classe media? ma allora, dal momento che la bolla speculativa è stata causata principalmente dagli acquisti di case a debito, non sarebbe utile - per misurare il valore del capitale immobiliare - tener conto anche dei tassi reali sui mutui? quindi - infine - meglio la politica americana di finanziamento spregiudicato a chi ha redditi incerti, oppure quella europea di incentivazione all'acquisto della prima casa? saluti
  4. bellavita Rispondi
    il valore degli immobili è aumentato perchè in 100 anni siamo passati da 2 a 7 miliardi di abitanti...