logo


  1. Luca Neri Rispondi

    L'associazione tra tempo di permanenza in Italia e status occupazionale e' probabilmente viziata da un potente effetto di selezione. I migranti sono una popolazione per definizione molto mobile. Dopo un certo periodo senza occupazione e' probabile che "cambino aria". Essendo l'analisi trasfersale non e' possibile cogliere questo effetto e si e' tentati di attribuire l'aumento di occupazione interamente ad un processo di apprendimento. Il contributo relativi di questi due fattori non è distinguibile con i dati disponibili.

  2. Bruno Stucchi Rispondi

    Se ho ben capito, la Naga (nome abbastanza infelice e quasi inquisitorio) ha schedato, illegalmente, almeno 4200 persone. Suppongo che la Prefettura e il Ministero degli Interni non ne siano al corrente. Perchè se lo avessero fatto loro, apriti cielo! Eh già, la privacy e altre bischerate qui non contano. Ps. Sul sito ufficiale della Naga, alla voce "Chi siamo", non si da nessuna risposta. Fuori i nomi. Saranno mica la P2, vero?