Lavoce.info

L’ITALIA E’ UNA LOCOMOTIVA?

Dalla prima pagina de Il Giornale (sabato 11 settembre 2009)

Dalla prima pagina de Il Giorno (sabato 11 settembre 2009)

 

Come spiegato dall’articolo di Tito Boeri e Francesco Daveri la lettura delle prime pagine offerta dai giornali è fuorviante. Il superindice Ocse, infatti, riassume variabili mensili relative alle aspettative sulla fiducia delle famiglie e delle imprese.La stessa Ocse, nelle Note Metodologiche, ammonisce “they should not be interpreted as providing exact forecasts”. Inoltre, il superindice utilizzato dell’Ocse che si chiama Cli, Composite Leading Indicator , serve a cogliere i punti di svolta, non a misurare l’intensità della ripresa nei vari paesi. A questo va aggiunto che il Cli comprende varie voci, diverse per ciascun paese. Il valore numerico (2,7 nel caso dell’Italia) non è confrontabile tra i vari stati. Titolare "l’Italia traina la ripresa" significa veicolare un messaggio misleading.

Lavoce è di tutti: sostienila!

Lavoce.info non ospita pubblicità e, a differenza di molte altre testate, l’accesso ai nostri articoli è completamente gratuito. L’impegno dei redattori è volontario, ma le donazioni sono fondamentali per sostenere i costi del nostro sito. Il tuo contributo rafforzerebbe la nostra indipendenza e ci aiuterebbe a migliorare la nostra offerta di informazione libera, professionale e gratuita. Grazie del tuo aiuto!

Precedente

IL BUONO DEI BONUS*

Successivo

UN’ECONOMISTA RIGOROSA E CORAGGIOSA

  1. Matteo

    Non voglio assolutamente schierarmi nè da una parte nè dall’altra, vorrei però chiederVi chi al mondo è, o è mai stato (e, aggiungo, mai sarà) in grado di fornire "exact forecasts"? A mio modesto parere è una contraddizione in termini, e chiunque di lavoro faccia previsioni, soprattutto economiche, mette sempre le mani avanti…cordialmente

  2. Antonio Aghilar

    Siamo davvero alle comiche: a parte il fatto che l’Italia non è mai stata "locomotiva" (tantomeno sotto la direzione del "genio" Tremonti…) mi chiedo con quale pudore si possano pubblicare delle simili stupidaggini. Inoltre, ma questo è un problema piuttosto inquietante che "puzza" di regime, questa cosa per cui chi dice la verità, e cioè che in Italia le cose vanno molto male (molto peggio degli altri Paesi) e che senza un deciso cambio di rotta noi da questa crisi ne usciremo a pezzi, diventa un "gufo" ha davvero stancato. E’ ridicolo! Pazienza. Un giorno sui libri di Storia la verità verrà fuori. E questo Governo-Casta ed i suoi Adepti Ignoranti saranno ricordati con gli "onori" che la Storia suole dedicare ai truffatori.

  3. franco bonacchini

    Francesco forte è una vecchia conoscenza degli economisti e di che ha fatto politica negli anni 80, quelli della Milano da bere di Craxi. Come allora scrive secondo la propria "scienza", ma non secondo "coscienza", non è serio, non ci crede nemmeno lui. Purtroppo nella gente la percezione delle difficoltà è sfumata da come i dati vengono riportati dalla stampa.

  4. Disperato

    Caro Antonio, purtroppo la Storia ci insegna ("ci" non a tutti evidentemente e purtroppo) che alcuni tratti dei regimi populistico-dittatoriali (fortunatamente noi non ci siamo ancora questo và detto) sono sempre gli stessi: il Nemico Esterno (oggi l’UE, ONU, altri stati sovrani ecc..), quello Interno (gli immigrati, i diversi, gli oppositori in genere), il Patriottismo Strumentale ("no ad Air France", "viva l’Italia" ecc..). Oltre a ovviamente il controllo dei media per propagandare informazioni false o tendenziose o rimaneggiate o ecc… Il quadro mi sembra chiarissimo, purtroppo lamentarsi del fatto che metà italiani sono "ignoranti" non serve a granchè. E’ la metà che si suppone sapiente che non ha saputo mettere argine (culturale, politico) in 15 anni.

Lascia un commento

Non vengono pubblicati i commenti che contengono volgarità, termini offensivi, espressioni diffamatorie, espressioni razziste, sessiste, omofobiche o violente. Non vengono pubblicati gli indirizzi web inseriti a scopo promozionale. Invitiamo inoltre i lettori a firmare i propri commenti con nome e cognome.

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén