Lavoce.info

Trasparenza, previdenza e … influenza

Un comunicato dell’Inps reagisce alla denuncia de lavoce.info. La circolare del Commissario Straordinario dell’Inps che proibisce a tutti — tranne il Ministro del Welfare — l’accesso a “dati, stime, analisi sulle questioni o sui conti dell’istituto” servirebbe, secondo l’Inps, a “non influenzare in alcun modo il dibattito in corso sul tema delle pensioni”. Strana idea della democrazia e delle funzioni di informazione di un istituto pubblico!

Trasparenza e previdenza

La riforma del sistema pensionistico è al cuore dell’attuale dibattito politico. Diverse proposte sono sul tappeto ed il problema è di grande importanza per il futuro del nostro paese. Per poter valutare le proposte in modo adeguato, l’opinione pubblica deve essere informata. Ciò significa avere accesso ai dati e, in primo luogo, a quelli raccolti dall’Istituto Nazionale per la Previdenza Sociale, che eroga le pensioni degli italiani.

Stupisce dunque la circolare (lettera protocollata) del Commissario Straordinario dell’Ente, dott. Gian Paolo Sassi, casualmente arrivata a lavoce.info e riportata qui in calce, che, con esplicito riferimento ad una direttiva del Ministro del Welfare, on. Roberto Maroni, proibisce ai responsabili di tutte le strutture dell’Istituto di fornire “dati, stime o analisi sulle questioni o sui conti dell’Istituto” a chicchessia. Stupisce anche che il divieto venga esteso non solo ai privati (studiosi, giornalisti, parlamentari, ecc.), ma anche ad “alcuna pubblica autorità”, con l’esclusione del medesimo Ministro e del suo Capo di Gabinetto. Si deve dunque intendere che tra le pubbliche autorità escluse sono anche comprese le strutture del Ministero del Tesoro e della Presidenza del Consiglio, istituzionalmente responsabili della politica economica del paese? Stupisce anche la data della circolare, il 6 agosto, cioè poco prima dello scatenarsi delle polemiche estive sulle pensioni. Infine, stupisce anche il tono della lettera, quel “portare a immediata conoscenza di tutti i responsabili” e quel “farmi avere assicurazione di adempimento” che rivela un’urgenza sospetta.

Leggi anche:  Atti dovuti: la riforma della governance Inps

Delle proposte si può discutere, ma l’accesso ai conti delle amministrazioni pubbliche rappresenta un aspetto essenziale di ogni democrazia. Importante sottolineare che già ora l’INPS (anche attraverso l’ISTAT), non rende direttamente accessibile al pubblico una base dati su cui poter condurre elaborazioni. Inoltre i pochi dati pubblicati in forma sintetica non sono sistematicamente aggiornati. Ci chiediamo se si debba scendere ulteriormente sotto a questi standards di diffusione delle informazioni.

La trasparenza dovrebbe stare a cuore a chiunque, di qualunque colore politico. Non facciamo scherzi, per favore.

La redazione de lavoce.info

Il comunicato stampa dell’Inps

La replica della redazione de lavoce.info

“Dunque l’INPS, sulla base di una direttiva del Ministro del Welfare, avrebbe proibito di fornire “dati, stime o analisi sulle questioni o sui conti dell Istituto” anche ad autorità pubbliche diverse dal Ministro medesimo per “non influenzare in alcun modo, ed in un momento così delicato, il dibattito in corso sul tema delle pensioni”.  Un paradosso che ricorda quel barone universitario che si vantava di non leggere mai le pubblicazioni dei candidati a una cattedra per paura di esserne influenzato.  E’ proprio mentre si discute di riforme previdenziali che l’INPS dovrebbe concedere maggiori informazioni a parlamentari, centri di ricerca e studiosi (per non parlare di membri del Governo che non siano il Ministro Maroni).   Dal fatto che molti politici e molti cittadini  siano spesso disinformati non discende certo che si decida meglio essendo disinformati.  Anche quel “controllo preventivo dei vertici dell’Inps” su stime e simulazioni svolte da sedi “non istituzionalmente competenti” si presta ad interpretazioni poche benevole. Chi decide quali sono le sedi istituzionalmente competenti? Solo il confronto delle ipotesi e dei risultati può verificare la robustezza delle proposte avanzate.  Ci consola il fatto che questa scelta dell’INPS sia apparsa in tutta la sua gravità a molti giornali che hanno voluto unirsi a lavoce.info in questa denuncia.”

Leggi anche:  Così la riforma Fornero fa crescere il lavoro delle donne*

la redazione de lavoce.info

Lavoce è di tutti: sostienila!

Lavoce.info non ospita pubblicità e, a differenza di molte altre testate, l’accesso ai nostri articoli è completamente gratuito. L’impegno dei redattori è volontario, ma le donazioni sono fondamentali per sostenere i costi del nostro sito. Il tuo contributo rafforzerebbe la nostra indipendenza e ci aiuterebbe a migliorare la nostra offerta di informazione libera, professionale e gratuita. Grazie del tuo aiuto!

Precedente

sommario 28 agosto 2003

Successivo

Uniti nella diversità

  1. Barbara Veronese

    E’ pazzesco, ma non c’e’ da stupirsi, nel nostro paese accedere a dati, anche quando la legge stabilisce chiaramente il diritto del cittadino all’accesso e’ una chimera. Chi ha provato a richiedere dei dati all’ISTAT che non siano gia’ pubblicati probabilmente sa che persino l’ente nazionale di statistica e’ un labirinto di impenetrabilita’ e muri di gomma, sin quando non si trova una buona anima disposta a svelare gli arcani degli archivi (e’ possono trascorrere mesi prima che cio accada).

  2. Marco Ratti

    Mi domando se sia interessante promuovere una raccolta di firme sotto uno statement del tipo “ritengo che la diffusione di informazioni corrette da parte di tutte le AAPP sulla propria attività sia indispensabile ad un dibattito corretto. Ritengo gravissimo che si trattenga informazione che deve essere pubblica, con lo scopo dichiarato di non inquinare il dibattito ma gli evidenti effetti di rendere impossibile il dibattito informato, monopolizzare l’informazione e diminuire il livello di democrazia”. Io firmerei.

    • La redazione

      Grazie. Anche noi firmeremmo. Ma ci sono forse troppi appelli in giro. Dal canto nostro, le posso assicurare che cercheremo di tenere alta l’attenzione su questi temi.

      Tito Boeri

  3. matteo di lella

    E’ come dire che non pubblico il bilancio per non influenzare la Borsa. Come dice F.Merlo sul Corriere di oggi: ” C’è una tale assenza di misura da spingerci non all’indignazione, ma alla commiserazione.”

Lascia un commento

Non vengono pubblicati i commenti che contengono volgarità, termini offensivi, espressioni diffamatorie, espressioni razziste, sessiste, omofobiche o violente. Non vengono pubblicati gli indirizzi web inseriti a scopo promozionale. Invitiamo inoltre i lettori a firmare i propri commenti con nome e cognome.

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén