Lavoce.info

Chi perde il lavoro

grafico pellizzari disoccupazione 2

Gli ultimi dati sulle forze di lavoro resi noti dall’Istat non sono molto incoraggianti per il nostro mercato del lavoro. Il tasso di disoccupazione continua a crescere, soprattutto per i giovani (15-24 anni). Cercando una buona notizia tra le tabelle dell’Istat si può forse notare che il tasso di occupazione sembra ormai essersi stabilizzato A guardare meglio però questo risultato è dovuto soprattutto alla ripresa del lavoro part-time mentre continua a diminuire l’occupazione a tempo pieno e indeterminato. Si tratta comunque di un segnale, benché timido, che le imprese cominciano ad avere di nuovo bisogno di assumere. Solo il consolidarsi della ripresa potrà dirci se a questo seguirà un vero aumento dell’occupazione.

Lavoce è di tutti: sostienila!

Lavoce.info non ospita pubblicità e, a differenza di molte altre testate, l’accesso ai nostri articoli è completamente gratuito. L’impegno dei redattori è volontario, ma le donazioni sono fondamentali per sostenere i costi del nostro sito. Il tuo contributo rafforzerebbe la nostra indipendenza e ci aiuterebbe a migliorare la nostra offerta di informazione libera, professionale e gratuita. Grazie del tuo aiuto!

Precedente

Alitalia terminal

Successivo

Prove di manutenzione per il voto di lista

  1. Manca il riferimento all’anno. Se non ho contato male, comunque, il grafico va dal primo trimestre 2011 al primo trimestre 2014. Giusto?

Lascia un commento

Non vengono pubblicati i commenti che contengono volgarità, termini offensivi, espressioni diffamatorie, espressioni razziste, sessiste, omofobiche o violente. Non vengono pubblicati gli indirizzi web inseriti a scopo promozionale. Invitiamo inoltre i lettori a firmare i propri commenti con nome e cognome.

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén