logo


  1. marcello esposito Rispondi
    La presenza di donne tra gli accademici, nelle professioni e nei consigli di amministrazione è sicuramente un segnale di meritocrazia, se il sistema di selezione è "libero". In un contesto non-meritocratico, tuttavia, imporre la parità di genere ha due controindicazioni. La prima controindicazione è che si introduce un meccanismo discriminatorio a danno degli uomini "bravi" senza che le donne "brave" se ne avvantaggino. Se infatti il sistema non è meritocratico, verranno selezionate non le donne "brave" ma le rampolle delle famiglie potenti. La seconda controindicazione è che la composizione di genere perde la valenza segnaletica sul tasso meritocratico effettivo di una società. Ci si scopre tutto ad un tratto al top della classifica e ci si bea del gran risultato ottenuto, senza perseguire le dure riforme, culturali e strutturali, necessarie per realizzare effettivamente la meritocrazia e per tale via la parità di genere.
  2. Piero Rispondi
    Serve davvero dare alla Marcegaglia la somma di euro 250 mila euro annui? Non ha una propria impresa? Sarà impegnata tutto il giorno sull'Eni, oppure a tutto pensa l'amministratore delegato che ha un compenso di 3 milioni di euro? Forse non sono delle nomine politiche? Perché buttare i soldi, ai consiglieri senza deleghe doveva essere dato solo un gettone di presenza, agli amministratori delegati un compenso legato alla produttività, se il Presidente ha le deleghe, chi ha deciso che è all'altezza del ruolo? Risulta che l'azienda di famiglia non sia gestita da Emma, quali sono i suoi meriti? Lo stesso giudizio per gli altri: sono solo cariche politiche che non servono a nulla.
  3. rob Rispondi
    La capacità o meno di una persona si misura con una legge? Alla conduzione di un qualsiasi organismo stabiliamo che 50% uomini e 50% donne? Direi che per uscire da questo buio medioevale dovremmo proprio evitare di fare una legge simile? In questo Paese ha sempre prevalso una regola : se non hai gran futuro, se non sei un eccelso professionista, se non hai idee e obiettivi l'unico rifugio è la politica. Allora capiamo perché si fanno simili leggi, la capacità, la volontà, la meritocrazia incute terrore a queste menti.