Lavoce.info

Il Punto

Quelli che vogliono abbandonare l’euro lasciano credere che il ritorno alla lira si potrebbe fare da un giorno all’altro, senza danni, anzi con grande vantaggio per la competitività del paese. Vediamo perché le cose non stanno così e perché un’operazione del genere diventerebbe un folle balzo nel vuoto.
È legge la riforma Delrio che svuota ma non abolisce le province e crea una pletora di città metropolitane. Abbiamo raccolto in un nuovo Dossier gli interventi sul tema pubblicati su questo sito. Discutibile la trasformazione del Senato che vuole Renzi. Se è per ridurre i costi della politica, ci sono voci ben più incisive da tagliare. Se è per accelerare l’iter delle leggi, bene rivedere regolamenti parlamentari e non abusare di leggi delega.
Si chiama “Plafond casa” il fondo della Cassa depositi e prestiti per garantire alle banche capitale per finanziare l’acquisto di case. Questi mutui sono meno onerosi di quelli tradizionali e dovrebbero aiutare l’uscita dallo stallo del settore immobiliare. C’è il rischio però che questa iniziativa serva a poco e che il motivo più profondo della crisi del mattone sia nei prezzi ancora troppo alti per le tasche dei cittadini.
Sono una trentina le possibili detrazioni Irpef. Alcune quasi sconosciute, altre con effetti redistributivi al contrario, mentre quelle per lavoro e famiglia introducono più equità. Perché allora non lasciare solo queste ultime, disboscando la giungla? Si otterrebbe anche un maggior gettito di 5 miliardi.

Lavoce è di tutti: sostienila!

Lavoce.info non ospita pubblicità e, a differenza di molte altre testate, l’accesso ai nostri articoli è completamente gratuito. L’impegno dei redattori è volontario, ma le donazioni sono fondamentali per sostenere i costi del nostro sito. Il tuo contributo rafforzerebbe la nostra indipendenza e ci aiuterebbe a migliorare la nostra offerta di informazione libera, professionale e gratuita. Grazie del tuo aiuto!

Precedente

Detrazioni, una giungla da tagliare

Successivo

I mutui per la casa: ecco da dove ripartire

  1. Piero

    L’annuncio fatto da Draghi sull’acquisto dei titoli statali proquota, aveva suscitato immediatamente nei mercati un segnale positivo, poi come sempre all’annuncio non sono seguiti i fatti si ritorna alla situazione iniziale, rivalutazione euro, disoccupazione, deflazione ecc.
    I paesi non escono ancora dall’euro, perché hanno paura, solo questo sentimento tiene uniti gli stati, basta che uno abbia coraggio e poi sarà una corsa, vedremo dopo le elezioni cosa succederà.
    Il plafond casa, è assolutamente ridicolo nel l’ammontare, il problema non è il prezzo delle case, ma la mancanza di liquidità, l’intervento in termini di liquidità da effettuare in Italia tra privati e imprese ammonta ad oltre 100 miliardi.

Lascia un commento

Non vengono pubblicati i commenti che contengono volgarità, termini offensivi, espressioni diffamatorie, espressioni razziste, sessiste, omofobiche o violente. Non vengono pubblicati gli indirizzi web inseriti a scopo promozionale. Invitiamo inoltre i lettori a firmare i propri commenti con nome e cognome.

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén