logo


  1. Dott. Bruno Bruno Rispondi
    Nel passaggio alla città metropolitana, i consiglieri provinciali e i membri di giunta che decadranno a fine giugno dovranno anche decadere dalle centinaia di poltrone che occupano nei Cda delle partecipate delle vecchie province.
  2. Mario Rossi Rispondi
    Gli esuberi della pubblica amministrazione non sono 85000, semmai per iniziare 850000! Non abbiamo ancora capito che il tempo delle mele è finito, il tempo della fuga dall'ufficio del venerdì di Fantozziana memoria non ha più riscontri e per il semplice fatto che se coloro che investono guadagnano, permettono anche agli altri che invece pensano solo alla partita della domenica di campare, ma quando la ciccia cala è ovvio che chi ha va avanti e alla faccia della solidarietà. Questa è una semplice regola di vita, mors tua vita mea, che non può essere cambiata e allora ecco che chi non produce non può più mangiare, chi non offre un prodotto necessario o si converte o fa la fame. Io dico che questo è giusto perchè è nella natura delle cose. Tutte le specie viventi operano una selezione, chi è forte sopravvive chi è debole sparisce e così dobbiamo ragionare anche noi, se il sistema è produttivo può anche permettersi la solidarietà, ma se il sistema non è produttivo chi è fuori dalla produttività deve sparire. Dura lex sed lex!
    • Ragioniere Fantozzi Rispondi
      L'invidia è una brutta cosa. A proposito del ragioniere Fantozzi, egli era da tutti considerato uno sfigato, ma adesso in tempo di crisi tutti vorrebbero avere il suo posto di lavoro pagato poco ma sicuro.