logo


  1. anna Rispondi
    Gent.mo Prof.Perotti, sono perfettamente d'accordo con lei. Vergogna immonda i privilegi della casta diplomatica ma mi chiedo: chi ha stabilito l'enormità dei compensi per lor signori?Chi ha formulato le tabelle di tali vergognosi privilegi? Chi ha stabilito che i diplomatici non debbano pagare di tasca propria la scuola dei propri figli con gli stipendi d'oro che gli vengono "regalati"? (Nella scuola dove insegno perfino la carta igienica la devono portare i genitori!!!!) E dunque, perché oltre alle sacrosante parole di sdegno non la smettiamo di far chiacchiere e il governo Renzi non provvede immediatamente a rimodulare tutte le retribuzioni in essere dei diplomatici? La spending review vale per tutti!!! E' sufficiente operare un taglio netto del 50%o e poi voglio proprio vedere chi ha il coraggio di pretendere agli occhi dei cittadini 21000 e più euro al mese, senza contare la pensione che sarà d'oro e così anche la liquidazione milionaria. E' ora di finirla di far chiacchiere, è ora di agire concretamente con i fatti senza paura in nome di tutti gli italiani. Grazie per la cortese attenzione Anna
  2. chris herdel Rispondi
    Ambasciatore di che? Non abbiamo bisogno d ambasciatori al interno de la Ue! Altro che "rappresentare" un sistema obsoleto e parassitario. Una riforma vera è quella di eliminare le posizioni "ambasciatori UE" e di ricalcolare anche retroattivamente le vostri pensioni autoproclamate dai vostri amici politici; Ci spiega , "ambasciatore" perché lei ha ricevuto il posto e no un altro? Poi, ci dice che avete bisogno di impiegati. Perché non prendere la tram e pulire la casa in famiglia come fanno gli altri membri della famiglia-Italia?
  3. Lorenzo D'Agostino Rispondi
    Qui (http://lareazione.wordpress.com/2014/04/06/privilegiambasciatori/) c'è una comparsata dell'ambasciatore Terracciano alla televisione spagnola nel 2012, in una trasmissione dedicata alle case di lusso: il video merita di essere visto, per capire chi è il personaggio che sta denunciando la presunta gogna mediatica.
  4. alberto bravo Rispondi
    Caro ambasciatore, ci faccia sapere la sua indennità e ci faccia sapere quanto paga per la retta dei suoi figli; ci faccia sapere quanto paga il personale che collabora con lei, quanto prende di stipendio metropolitano (visto che è ambasciatore di rango e quindi prende per intero lo stipendio al Mae di Roma), quanto paga di viaggi per i 50 giorni di meritate vacanze. Poi li compariamo con l'ambasciatore che è a Città del Guatemala e lo compariamo anche con gli ambasciatori meno titolati di lei che vivono in paesi dove si paga tutto in dollari Usa (la differenza tra euro e dollari è da oltre 12 anni notevole). Poi ci faccia sapere quali e quanti benefici fiscali ai sensi della normativa internazionale avete lei e i suoi famigliari e poi li confronteremo con un laureato magari di Napoli e magari nato nel 1957 e vedremo forse meglio come stanno veramente le cose.
  5. Gianni Rispondi
    1) Le statistiche comparative hanno senso solo e se si riferiscono ad una media, in questo caso di almeno 4-5 paesi con Pil simili. Un paese, preso per segnalare una presunta abnorme difformità, non dà indicazioni statistiche serie (perché l'Inghilterra e non la Francia? Perché la Germania e non la Spagna?) 2) Le statistiche comparative hanno senso solo con paesi ad imposizione fiscale simile. 3) Le statistiche comparative hanno senso solo per posizioni analoghe (il capo di gabinetto è stato comparato ad un dirigente con alcuni decenni d'anzianità e magari vincitore di pubblico concorso).
  6. Maurizio Cocucci Rispondi
    Sapesse, ambasciatore Terracciano, quanti cittadini italiani desiderano che parlamentari, dirigenti di aziende pubbliche, magistrati e ambasciatori vengano finalmente retribuiti alla pari degli omologhi degli altri Paesi europei.
    • Cornetta Sabrina Rispondi
      Mi piacerebbe lavorare al M.A.E, è da tempo che cerco di capire come accedervi attraverso la mobilità da un ministero (quello dell'istruzione, dal quale provengo) al MAE; chiedo perchè non vengo assecondata nelle richieste di informazioni dopo aver più volte rilasciato il curriculum vitae sulla posta elettronica certificata ,specificando anche le competenze linguistiche possedute; pare che si debbano solo superare prove concorsuali infinite .