logo


  1. Emilio Odescalchi Rispondi
    Penso che discutere sia solo fine a un diletto personale. Invito come sempre a consultare Armey e la sua curva. I nostri costosi profeti economici teorizzano un mondo perfetto. Tutti ricchi e nessun povero, tutti onesti e nessun ladro. Purtroppo dalle informazioni che giungono pare che nell'italico stivale ci siano più ladri, disonesti, corrotti e concussi che gente normale. Avrete notato che di taglio di parlamentari e spese connesse, dirette ed indirette non si è fatto nulla. C'è un ente apprezzato da molti: la Corte dei Conti. Gente competente e capace. Avrete notato che appena agguantano qualcosa di serio e lo denunciano viene tagliata loro la zampa.
  2. pietro fattori Rispondi
    Mi scuso per la franchezza: l' unico contenuto sostanziale dell'articolo è che questi spostamenti di sede hanno avuto e hanno le loro buone ragioni; potreste però anche indicarci come si configurano i rapporti fra holding e controllate, dove si pagano i dividendi, quale sorte avranno brevetti e royalties?
    • gmn Rispondi
      Mi scuso per la franchezza: Arachi mica è Marchionne!
  3. rob Rispondi
    Non entro in complessi passaggi fiscle e di borsa ma porto solo un esempio. Mio nipote è a Londra, in un anno ha cambiato 10 lavori regolari e ha cambiato per spostarsi in zone che lui riteneva più congeniali per vivere. Noi in Italia per prendere uno stagista ci siamo informati dal nostro consulente. Risultato: un papier di roba con addirittura l'assunzione di un tutor per lo stagista stesso. Sia ben chiaro: non credo che il problema della Fiat sia questo, ma la mia testimonianza è l'esempio della follia in cui è caduto questo Paese. La cosa vergognosa è che alla partenza della Fiat dall'Italia non c'è stato nessuno intervento di un esponente del Governo, ma ancor peggio è il vergognoso silenzio dei sindacati. Cosa aspettano gli iscritti a disdire la tessera? O ancora vale il motto " Franza o Spagna purché se magna". Per cui meglio un piatto di minestra fredda oggi (cassa integrazione e altro) che un futuro per sé e per i propri figli?
  4. fcballarini Rispondi
    Sarei grato agli autori dell'articolo se spiegassero nel dettaglio le ragioni della scelta di stabilire la sede operativa della holding (di management and control e dove verranno pagate le imposte sui profitti) nel Regno Unito ed invece quella sede legale in Olanda. Perché questa scelta differenziata? Grazie
    • MarMa Rispondi
      Penso che la scelta dell'Olanda si basi in buona parte sul doppio diritto di voto assegnato i soci stabili, quindi Exor (Agnelli), che detiene circa il 30% della nuova società.
  5. Enrico Rispondi
    La vera domanda è: perchè non lo ha fatto prima?
  6. Paolo Rispondi
    Piacerebbe anche a me avere il domicilio fiscale dove si pagano meno tasse. Qualcuno può dirmi come si fa?
  7. Maria Anderlucci Rispondi
    Secondo me Marchionne non fisserà la sede della Fca nel Regno Unito o a Londra, ma nello Square Mile della City of London che come saprete per molti versi è un paradiso fiscale e molto più comodo da raggiungere dell'Isola di Jersey.