La recessione è finita, per ora, nel Regno Unito. Merito delle Olimpiadi di agosto. I dati inglesi non possono però essere una valida ragione di rammarico per la rinuncia al progetto Roma 2020. Ai tempi di Italia ’90 nel nostro paese non ci fu nessuna accelerazione nell’andamento del Pil. E di quell’evento non rimane nessuna traccia positiva nei dati di contabilità nazionale. La spesa pubblica in infrastrutture e grandi opere non accelera la crescita nello stesso modo in tutti i paesi.

Dopo una sequenza di tre trimestri negativi cominciata nel quarto trimestre 2011, la recessione è finita, almeno nel Regno Unito. La stima preliminare dell’Office for National Statistics (Ons) parla chiaro: nel terzo trimestre il Pil è aumentato di un bel +1 per cento rispetto al trimestre precedente, in tal modo recuperando in un colpo solo una buona parte delle perdite di Pil sofferte nei trimestri precedenti (pari rispettivamente a -0,4, -0,3 e -0,4 per cento).

EFFETTO LE OLIMPIADI NEL REGNO UNITO

Come mai il Pil va meglio nel Regno Unito proprio quando l’Europa del Sud è prigioniera di una durissima recessione e anche l’Europa del Nord e dell’Est, che finora hanno fatto faville, vedono rallentare i loro tassi di crescita trimestre dopo trimestre? La risposta c’è e – per una volta – è molto semplice. Si chiama effetto Olimpiadi.
Già, perché a Londra ci sono state le Olimpiadi nel mese di agosto 2012. E ciò ha portato a un boom di consumi e investimenti paralleli che hanno probabilmente sostenuto in modo consistente l’economia inglese. Bisogna dire “probabilmente” perché la stima preliminare del Pil non include stime separate per le sue varie componenti. È però presumibile che la stima definitiva, se confermerà il dato preliminare, mostrerà un boom combinato della domanda interna, appunto, di consumi e investimenti.
In tempi grami come questi, il premier inglese David Cameron può certamente fregarsi le mani per la soddisfazione. Almeno per ora.

NIENTE LACRIME DI COCCODRILLO PER ROMA 2020

Vedendo i dati inglesi, a qualche nostalgico della crescita a colpi di investimenti infrastrutturali e faraonicheopere pubbliche potrebbe venire in mente di sollevare di nuovo un tema discusso con calore nei mesi scorsi. Si potrebbe cioè chiedersi cosa sarebbe successo se, anziché fare un passo indietro, il Governo Monti avesse tirato dritto con il progetto di portare a Roma le Olimpiadi del 2020, anziché accantonarlo. Chissà, magari anche l’Italia, oltre al Regno Unito, potrebbe godersi se non già oggi una ripresa consistente come quella inglese, almeno un’attenuazione della recessione grazie alla messa in opera dei lavori preventivi per l’Olimpiade.
È possibile. Però, i dati relativi alla più recente esperienza nazionale di questo tipo – i mondiali di calcio di Italia ’90 – indicano che le cose allora non sono andate così. In quella occasione, l’evento sportivo non portò ad alcuna accelerazione del Pil. Anzi.

abc
La tabella mostra la sequenza dei tassi di crescita del Pil trimestrale dell’Italia prima, durante (colorati) e dopo Italia ’90, svoltasi appunto tra l’8 giugno e l’8 luglio del 1990.
Come si vede, il tasso di crescita medio trimestrale negli otto trimestri prima di Italia ’90 fu dell’1 per cento (allora l’Italia cresceva). Scese poi allo 0,4, 0,3 e 0,2 per cento rispettivamente nel primo, secondo e terzo trimestre del 1990, cioè nei trimestri presumibilmente più direttamente influenzati dall’evento sportivo. La crescita nel secondo trimestre del 1990 (+0,3 per cento) fu inferiore alla crescita dello stesso trimestre del 1989 (+0,4), del 1988 (+0,6) e del 1987 (+1,5). Lo stesso vale per la crescita del terzo trimestre 1990 (+0,2 per cento) se confrontata con quella registrata negli stessi trimestri degli anni precedenti (+1,0, +1,3 e +0,3 per cento). Si potrebbe anche dire: la maggior parte dei lavori per Italia ’90 furono completati dopo la conclusione dell’evento. Se è così, forse l’effetto positivo sul Pil si è verificato dopo, non durante l’evento. Ogni paese ha i suoi tempi e i suoi ritardi di gestazione nella realizzazione delle opere pubbliche, dopo tutto. Beh, non è così. Nel quarto trimestre 1990, la crescita del Pil è diventata negativa. E negli otto trimestri successivi, la crescita media trimestrale è scesa addirittura allo 0,2 per cento.
Naturalmente, ci sono tanti elementi che influenzano la crescita del Pil trimestrale di un paese. Come minimo, tuttavia, di Italia ’90 non rimane nessuna traccia positiva nei dati di contabilità nazionale. Gli eventi sportivi fanno bene al Pil quando il denaro pubblico è speso bene. In Italia, invece, le opere si finiscono anni dopo lo svolgimento dell’evento. La spesa pubblica in infrastrutture e grandi opere non accelera la crescita nello stesso modo in tutti i paesi. Il che suggerisce che Monti era nel giusto a non volere Roma 2020.

Lavoce è di tutti: sostienila!

Lavoce.info non ospita pubblicità e, a differenza di molte altre testate, l’accesso ai nostri articoli è completamente gratuito. L’impegno dei redattori è volontario, ma le donazioni sono fondamentali per sostenere i costi del nostro sito. Il tuo contributo rafforzerebbe la nostra indipendenza e ci aiuterebbe a migliorare la nostra offerta di informazione libera, professionale e gratuita. Grazie del tuo aiuto!