logo


  1. Enrico Rispondi
    I politici vogliono salvare Alitalia non per salvare i posti di lavoro, ma per opportunismo elettorale, niente di più. Avete notato che nessun politico riesce a dire schiettamente ciò che dovrebbe essere fatto? Lorsignori dicono solo cose belle, cose che la gente (gli elettori, pardon) vogliono sentirsi dire. Nessuno di loroaffronta il problema dicendo: "Signori Italiani, useremo i vostri soldi per salvare (di nuovo) Alitalia". Ma cosa ci aspettiamo da chi ci ha portato in questa situazione? Che da un giorno all'altro rinsavisca e cominci a fare scelte logiche, razionali, per il bene del Paese?
  2. Mao Rispondi
    Sono pienamente d'accordo con l'analisi del prof. Scarpa: non ha senso disperdere altro denaro pubblico, le poche risorse che il Paese può disporre devono essere impegnate nella giusta direzione, ove vi sia certezza del buon fine e non sto qui ad elencare quante e quali siano le priorità oggi.... Pertanto sono convinto più che mai che Alitalia (o CAI come fu ribattezzata) va lasciata al suo destino causato dalle solite manovre della politica e dall'incapacità (in buona fede?) della cordata di imprenditori del CAI.
  3. salvo Rispondi
    Prof. Scarpa, lei scrive, tra le altre cose: "(...) E' giusto preoccuparsi dei posti lavoro (...)". Una domanda: Quali e quanti costi, il contribuente italiano, deve sopportare, e per quanti anni, per salvaguardare questi posti di lavoro? Numericamente, quanti dipendenti ha Alitalia? E quanti sono, invece, i contribuenti italiani che dovrebbero supportarne - e sopportarne - gli oneri?
  4. michele Rispondi
    Sarebbe interessante un parere sulla proposta apparsa nei giornali di oggi, ovvero l'interessamento di Moretti, ferrovie, su Alitalia, si parla dell'entrata con una piccola quota, ma con obiettivo, la fusione industriale.
  5. bellavita Rispondi
    comunque sarei curioso di esaminare i contratti a lungo termine di manutenzione, pulizia, catering stipulati da CAI. Vogliamo scommettere che sono sottoscritti con società riconducibili agli azionisti privati di CAI? e che sono a prezzi correnti in Italia, ma vengono svolti in paesi de terzo mondo? perché la regola prima del capitalismo italiano è che il capitale proprio deve rientrare al più presto, poi vada come vada
  6. GranVia Rispondi
    condivisibile