logo


  1. Ezio Pacchiardo Rispondi
    Sulla ricerca dovremmo essere più seri. La distribuzione a pioggia di finanziamenti serve solo a dare degli stipendi più o meno meritati. Porto come esempio campione di finanziamento alla ricerca il caso delle tecnologie “unmanned” che in USA sono partite circa 15 anni fa con una richiesta da parte dell'ente DARPA che dette all'epoca un premio di 10 mila dollari a chi proponeva un veicolo di terra capace di percorrere poco più di 500 metri. Alla prima prova parteciparono molte Università e il risultato fu disastroso, molti veicoli non partirono e altri a mala pena giunsero a percorrere qualche decina di metri. Sappiamo ormai tutti che i perfezionamenti e l'estensione degli “unmanned vehicle” al cielo e al mare sono ormai una realtà pienamente affermata. La sostanza è che il modello di ricerca adottato in USA è molto più sfidante: un ente, in genere DARPA, presenta delle richieste di sviluppo, le Università e anche le imprese partecipano alle gare, i finanziamenti vengono fatti a risultati raggiunti e non prima.
    • Paolo Rispondi
      Gentile Ezio, anche nel commentare gli articoli occorrerebbe essere documentati e sapere di cosa si parla. Primo, il finanziamento per le attività di base non è uno stipendio, visto che non me lo accreditano in banca e non posso spenderlo per comprarmi quello che voglio. Secondo, come ben spiega l'articolo, non è distribuito a pioggia ma in modo comunque meritocratico e sopperisce a una carenza assoluta di finanziamenti alla ricerca dei singoli docenti in moltissime università italiane negli ultimi anni. Terzo, non ha senso finanziare un progetto di ricerca solo a posteriori, visto che le somme richieste in genere servono anche a portare avanti il progetto. In alternativa occorrerebbe comunque attingere da qualche altra fonte per portare avanti un progetto. Di solito, anche nella retrogada e sottosviluppata Italia (pensi!) parte dei soldi di solito li danno prima e parte dopo. Quarto, come si evince dalla lettura, il finanziamento di cui si parla nell'articolo è una sorta di 'premio' e non è vincolato a un progetto specifico. Cordialmente.