logo


  1. Fausto Orazi Rispondi
    Ho lavorato in 5 aziende e ho fatto l'ingegnere e il direttore. Il problema non mi si è mai presentato, lo stipendio lo decide il Capo servizio d'accordo col titolare o il Presidente. La somma è stabilita in base alla capacità produttiva della persona salvo interessi particolari del decisore; non ho mai visto la decisione dipendere dal sesso. Una brava contabile è pagata più di un cattivo contabile, idem per i quadri superiori. Di operai non mi sono occupato, ma dipende sempre dalla capacità produttiva. Non capisco come ricavate i vostri grafici, non dovrebbero essere paghe di contratto collettivo?
  2. Alessandro Rispondi
    Questo articolo dell'Economist dice che, a parità di lavoro, esperienza etc, la differenza di genere è quasi nulla. https://www.economist.com/blogs/graphicdetail/2017/08/daily-chart
  3. Luca Ba Rispondi
    Il gender gap è dovuto principalmente all'impossibilità della donna di conciliare famiglia e lavoro. Quando la famiglia non c'è oppure non è a carico della donna (per esempio se ci sono nonni completamente presenti) il gender gap non esiste per il semplice fatto che è impossibile che qualcuno riesca a pagare una donna meno di un uomo per lo stesso lavoro. Se fosse possibile lavorerebbero sono donne in ogni settore perché mai qualcuno a parità di rendimento pagherebbe di più un uomo. Non è un caso che in paesi dove l'assistenza familiare è diffusa presentano meno gender gap (paesi del Nord Europa o Canada giusto per citare qualcuno). Lo stato su questo dovrebbe investire ma chiedere questo all'Italia è pura perdita di tempo.
  4. guido dv Rispondi
    "L’obiettivo non è arrivare a un differenziale salariale di genere nullo, ma eliminare quella parte che dipende da una pura discriminazione. " Solo dei professori universitari potrebbero scrivere simili corbellerie. come fate a distinguere le differenze frutto di diverse competenze e produttivira da quelle frutto di discriminazione? perche questa ossessione sulle differenze uomo, donna, perche non focalizzarsi anche sulle differenze bianchi, neri, gialli; italiani, immigrati; sposati, non sposati; etc