logo


  1. ELIO SMEDILE Rispondi
    La previsione per il 2036 è agghiacciante, l'Italia diventerà un Paese di vecchi. Resta una soluzione sola, fare affidamento sull'inserimento delle famiglie immigrate.
  2. ELIO SMEDILE Rispondi
    Qualsivoglia iniziativa per porre rimedio ad una previsione agghiacciante (nel 2036 l'Italia sarà un Paese di vecchi) potrà dare risultati nel medio-lungo periodo. La soluzione più semplice nel breve periodo sono. come ha suggerito Boeri; gli immigrati
  3. Claudio Pagnani Rispondi
    Ritengo la scelta di non avere figli frutto anche dell'egoismo e riconducibile a motivazioni culturali, poiché il "desiderio di avere figli" manifestato nel sondaggio, così come l'autonomia dai genitori, non si vedono concretizzati neppure fra i giovani con una situazione economica solida. A tal proposito consiglio questa lettura, dove si cita la Finlandia, che, con politiche pubbliche a livello di quelle francesi, ha un tasso di natalità più vicino a quello italiano: https://www.ilfoglio.it/politica/2017/09/21/news/il-dramma-di-una-politica-che-fischietta-sullapocalisse-demografica-153244/
    • Umar Jamil Rispondi
      A tal proposito citerei anche la Germania, che pur avendo uno dei standard di vita più elevati, uno dei tassi di disoccupazione più bassi, un sistema di welfare molto efficente, ha comunque un tasso di fertilità non tanto lontano da quello italiano (rispettivamente 1.46 e 1.45 nel 2015); e non stiamo parlando di un paese con pochi abitanti, ma ben 80 milioni di abitanti di cui almeno il 25% con background straniero. Rimuovere l'elemento socioculturale credo sia molto riduttivo nell'analisi presentata dall'autore dell'articolo. In Danimarca uno spot che chiede ai danesi di fare più figli diventa un successo, lo stesso spot realizzato in Italia scatena una bufera: solo un caso? Spot danese: http://video.corriere.it/danimarca-spot-invitava-fare-piu-sesso-anno-boom-nascite/6c5aace2-2970-11e6-aa4c-a2d9e3978e50
  4. Fabio Rosi Rispondi
    "Ma per andare in questa direzione ci vuole coraggio ... C’è qualche forza politica pronta a prendersi questo impegno ?". Questo è il succo dell'articolo, molto ben fatto. Peccato che il contenuto in soldoni è lo stesso di articoli simili (molto pochi per la verità) scritti da altri (pochi) autori illuminati già 30 anni fa e da allora non è stato fatto praticamente nulla ... Dai tempi della sentenza della Corte Costituzionale in cui invitava il Legislatore a sanare la diseguagluaglianza per la quale un marito lavoratore con moglie a carico e tre figli e che guadagni 100.000 euro paghi più tasse di una coppia con tre figli nella quale moglie e marito guadagnino 50.000 euro ciascuno. Da allora non si è mai fatto nulla ! E ho detto tutto.
  5. Savino Rispondi
    Il vero macigno è l'egoismo delle generazioni più anziane.
  6. Emanuele Bracco Rispondi
    Mi domando pero' quanto di questa differenza e' fatta da una maggiore presenza di immigrati di seconda/terza generazione che mantengono maggiori tassi di fertilita' (penso agli immigrati nord e centro africani in particolare). Non sono certo che il mio sospetto sia vero, ma mi incuriosirebbe sapere quanto di questa differenza puo' essere spiegata da preferenze culturali/religiose.
  7. Giuseppe Spazzafumo Rispondi
    Sono anni che alcune forze politiche parlano di quoziente familiare, ma nessuno va oltre le chiacchiere ed invece il nodo è proprio quello. Semplice ed efficace, altro che elemosine in ordine sparso.
  8. oscar Rispondi
    ma chi ha mai deciso che l’italia sia sottopopolata? ben venga la depopolazione in un paese ovviamente sovrappopolato. Riprodursi per far crescere il PIL illustra la superficialita’ delle premesse dichiarate mentre suddividere le stesse risorse fra meno individui non possa se non essere desiderabile.
    • Stefano Schiavon Rispondi
      Caro Oscar, evidentemente non hai figli perché altrimenti ti preoccuperesti delle conseguenze sociali causate dall'invecchiamento della popolazione. Solo un esempio, con il nostro sistema pensionistico, gli oneri di una popolazione che invecchia sempre di più sono, e saranno, a carico dei sempre meno giovani che popoleranno questo paese. E proprio il caso di augurare loro di potersene andare il prima possibile.
      • oscar Rispondi
        bisogna che il paese decida se le generazioni future saranno sottoccupate o sovraoccupate. al momento sembra siano sottoccupate il paese invece e’ sovrappopolato, l’ambiente troppo sfruttato oscar