logo


  1. Piero Rispondi
    L'articolista dovrebbe approfondire a che cosa sono serviti i 900 M€. Ad oggi ne risultano spesi solo 50 M€ (almeno, così mi è stato detto). Il prestito dovrebbe essere servito come garanzia per la licenza IATA. Quindi non sono soldi spesi. Ci si dovrebbe domandare come mai quest'anno Alitalia dovrebbe chiudere con un leggerissimo attivo. Forse le colpe Alitalia non erano nei dipendenti, ma negli accordi che aveva stipulato con Air France e Etihad.Fondamentalmente Alitalia era una compagnia che doveva portare passeggeri negli hub di Parigi e Abu Dhabi (basti vedere i voli schedulati negli anni per questi scali), da dove poi i passeggeri sarebbero stati smistati verso le remunerative rotte del nord America e dell'Asia. Conosce l'articolista i dettagli delle ripartizioni dei ricavi sui voli intercontinentali? So solo che quando vado a Kuala Lumpur, Giakarta o Delhi, debbo fare sempre scalo ad Abu Dhabi (per fortuna ora Alitalia ha la rotta diretta verso Delhi).
  2. bob Rispondi
    Tante parole per dire che dovrebbe acquistare Easyjet perchè già presente in Malpensa? I voli saranno anche a lungo raggio ... la prospettiva, a mio modesto parere, molto ma molto meno........
  3. Virginio Zaffaroni Rispondi
    Chissà se ci sarà un giorno qualche studioso di storia economica e aziendale che racconterà come fu che un governo ben noto, guidato da un sé-dicente Imprenditore per antonomasia rinunciò, in nome di una fasulla questione di bandiera, alla possibilità di far parte con poca spesa di un grande gruppo internazionale come Air France-Klm, optando invece per una improbabile brigata di "capitani coraggiosi" e caricando sulle nostre una valanga di prepensionamenti.