logo


  1. Henri Schmit Rispondi
    Il problema discusso è immenso, e di estrema importanza. Fa riflettere l’alternativa posta dall’autore per la strategia negoziale dell’UE: l’obiettivo è di lottare contro l’elusione/evasione delle (digital companies?) multinazionali DELL’IT, e di tutte le altre CON l’IT, provando a mettersi d’accordo nell’OCSE su regole condivise, o di lottare contro i regimi fiscali di scopo dei paesi vincenti nella guerra globale per accaparrarsi gli introiti fiscali delle attività internazionali? Lo stesso equivoco vale per l’Italia nei confronti dei suoi partner europei più efficienti: è più facile denunciare la concorrenza sleale dei paradisi fiscali che di spegnere le fiamme dell’inferno fiscale a casa propria. L’IT-economy pone delle sfide per le quali la normativa esistente (1. il permanent establishment 2. IL SUO UTILE!) non è attrezzata. Una turn-over tax che ignora il margine è assurda . L’Italia non riesce nemmeno a tassare gli utili dell’industria pesantemente immobilizzata, fortemente sovvenzionata nel passato, figuriamoci l’efficienza fiscale nella nuova economia del web e del servizio, in un mondo sempre più aperto, globale, permeabile. E che cosa fa il governo? Prova a attrarre i ricconi di tutto il mondo e super-manager di Londra con vantaggi mirabolanti. L’industria finanziaria della City non si trasferirà a sud delle Alpi. Il paese è talmente inefficiente nella concorrenza europea che a prescindere delle trattative internazionali rischia di poter contare solo sull’IVA.
    • Marco Greggi Rispondi
      Gentile Dottore, le sue preoccupazioni sono fondate, così come profonde le radici del problema. Devo ancora leggere le conclusioni del vertice informale, ma la mia paura è che la frattura sia già all'interno dei 28. Tutti mettono all'indice Svizzera, Singapore e le "grandi multinazionali: ma io penso che il problema sia più vicino. Restando in metafora: il "nemico è già dentro".
  2. DDPP Rispondi
    L'idea di tassare il fatturato è molto antica: si chiama dazio. Che poi il dazio sia sul numeo di transazione oppure sul valore presunto del bene non mi sembra diverso. La globalizzazione ha portato enormi benefici mondiali e tanti problemi settoriali: premia i flessibili e punisce i torpidi. Ma se iniziamo con i dazi si torna diritti al mercantilismo seicentesco e perdiamo tutti
    • Marco Greggi Rispondi
      Il titolo originale di questo mio contributo era semplicemente "Giochi di guerra" e voleva essere un omaggio nascosto a un film di culto della mia gioventù (Giochi di guerra, 1983), tradotto in salsa tributaria. Lo scenario che Lei dipinge, proprio come nel film, è quello della M.A.D. (Mutual Assured Destruction). Grazie al cielo, per noi, sempre in una prospettiva fiscale !
  3. Alfonso Salemi Rispondi
    Per risolvere il problema della tassazione delle aziende, ma anche dei singoli contribuenti, si potrebbe pensare ad una tassazione per via informatica.e contestuale all'erogazione del bene o servizio In questo modo sarebbe molto ridotto il gioco di " guardie e ladri" che avviene con il sistema attuale di tassazione. Esempio: nel momento stesso di acquisto di un bene o servizio viene trasferita all'erario l'aliquota corrispondente. Ad es. se il cliente paga 1000 € vengono trasferite direttamente 35 € (o un'aliquota prefissata) e non ci sarà più bisogno di fare la dichiarazione dei redditi. Naturalmente il problema non è così semplice, ma è certamente più semplice del sistema attuale. Se prendiamo il caffè in un bar svizzero si vede realizzato questo sistema e nello scontrino è riportato il prezzo del caffè e la relativa detrazione versata all'erario in tempo reale. Non sarebbe male fare una telefonata all'ufficio svizzero competente per sapere con precisione come sono organizzati.
    • Marco Greggi Rispondi
      Il sistema che lei propone, quello della sostituzione tributaria, è ampiamente praticato in Italia. Anche la comunicazione diretta con l'amministrazione finanziaria della transazione (in luogo dell'emissione dello scontrino) è possibile, sebbene non in realtà parcellizzate come quella di un bar. L’esperienza delle Divisioni della contribuzione elvetiche (mirabile !) è difficilmente esportabile però in Italia, per motivi essenzialmente culturali. Il problema qui è che molte dei quelle società non pagano perché ritengono di non essere tenute a farlo. Problema che diviene ancora più complesso perché, in moti casi e a fil di diritto, hanno ragione loro.
  4. serlio Rispondi
    Tutto corretto salvo l'intenzione manifestata dal Governo italiano di tassare il fatturato e non il reddito. La differenza è enorme, sopratutto dal punto di vista dello stato di diritto che verrebbe ancora una volta sopraffatto dal diritto di stato! Si tratterebbe di una squallida scorciatoia che solo lo statalismo ignobile dei politici al governo possono concepire. Quello che occorre è un accordo, difficile ma non impossibile da raggiungere, tra gli stati membri della EU. La elusione fiscale è praticabile perchè gli stati si fanno concorrenza fiscale e le imprese, muovendosi nello stato di diritto, utilizzano al meglio e a loro vantaggio le norme esistenti. occorre cambiare queste norme non rinunciare allo stato di diritto, perchè una volta infranto questo limite quale sarebbe il prossimo passo verso il fascismo fiscale? (peraltro già molto presente in Italia).
    • Marco Greggi Rispondi
      Il problema è che tassare il reddito diventa difficile in questi casi, tra l'altro, per l'esistenza di trattati internazionali che non lo consentono (o meglio, non lo consentono tutte le volte in cui il governo italiano lo vorrebbe).
    • DDPP Rispondi
      Totalmente d'accordo
  5. Marcello Romagnoli Rispondi
    Quindi se non andiamo "alla guerra" con i giganti USA, Giappone, Cina ecc. cosa facciamo? Accettiamo che le aziende di questi paesi, ma perchè no anche europee, mettano base amministrativa in paesi dalla tassazione compiacente e paghino poco o nulla mentre godono dei benefici delle infrastrutture e del benessere di altri paesi? Ricordiamoci che anche le aziende europee vendono nei suddetti paesi che potrebbero decidere di adottare la stessa linea e quindi di far pagare loro le tasse. Io credo che la logica della globalizzazione che porta vantaggi enormi ai grandi gruppi faccia bene alle tasche dei loro azionisti, ma non all'economia reale del pianeta. Più soldi agli stati vuol dire più soldi per le infrastrutture, per il benefico stato sociale (vero segno di progresso), per una migliore redistribuzione della ricchezza. Inoltre toglie risorse spesso eccessive nelle mani a questi grandi gruppi, risorse che li portano spesso a crescere troppo e a trovarsi in posizioni di forza eccessiva.
    • Marco Greggi Rispondi
      Sono d'accordo con lo spirito delle sue riflessioni e sul senso della sua posizione. Mi permetto solo una considerazione. C'è solo una cosa peggiore rispetto all'inazione che lei critica: fare la guerra ... e perderla. Credo che l'Europa debba cercare alleati, e che lo stesso Governo federale statunitense possa diventarlo, se opportunamente coinvolto.