logo


  1. francesca soldato fumagalli Rispondi
    per la cronoca: in Lombardia ha votato a favore dell'indizione tutto il consiglio regionale, tranne il pd, ma ha votato a favore un consigliere del pd (quello della Val Camonica se non ricordo male). Ripeto: da pdv pratico non servirà a niente, ma già il fatto che faccia una gran paura al sinistrume e agli statalisti vari è motivo di grande ottimismo. Ricordo che nello stesso periodo la Catalogna voerà per staccarsi da Madrid, nonostante la Corte Costituzionale e la minaccia di mandare l'esercito. Fatevene una ragione: chissenefrega della costitzione e dell'esercito di fronte ad ogni percorso di libertà e dell'applicazione del principio di autodeterminazione. Evitate i patermnalismi tipo "come faranno poi che tanto spenderanno ancora più soldi, ecc.....", lasciate fare ai residenti, preoccupatevi dei vostri problemi (e risolveteli, se ne siete in grado).
    • Paolo Balduzzi Rispondi
      Pe curiosità: ma con chi ce l'ha quando scrive "fatevene una ragione", "evitate i paternalismi", etc etc?
      • francesca soldato fumagalli Rispondi
        con quelli che vogliono dare consigli (non richiesti) a lombardia e veneto e che qui hanno lasciato post
  2. Angelo Emo Rispondi
    Stupefacente. Che il colpo di mano ferocemente centralista affondato con il referendum potesse facilitare il processo autonomista di Veneto e Lombardia è una delle tesi più singolari che mi sia capitato di sentire sul tema. Ed infatti l'Autore la butta lì, senza uno straccio di argomentazione. Ed ha ragione la signora Fumagalli sul silenzio assordante sull'imponente residuo fiscale, che è talmente spaventoso che pagherebbe Mose, Banche Venete, tornado e chi più ne ha più ne metta. Vedo molta confusione in alcuni commenti. E' lo Stato che rapina circa 70 (settanta!!!) miliardi di euro all'anno alle due Regioni, non queste ultime che chiedono l'elemosina. Quello che dà lo Stato per le Banche o il tornado sono briciole in confronto a ciò che rapina. Per cui a Savino direi: lasciateci tutto il residuo fiscale e pensiamo a tutto noi, banche, tornado e tutto il resto. Insomma: lasciateci in pace
    • francesca soldato fumagalli Rispondi
      sottoscrivo totalmente. In fondo la verità è solo questa: vogliamo solo essere lasciati in pace. Dico di più: personalmente sarei anche disposta a metterci un'ulteriore quota una tantum pur di farla finita e non avere più nulla a che fare con lo stato italiano. Cosa faranno poi queste due aree? Spero il meglio per i loro residenti, ma certamente già il rendersi "più piccoli" potrà permettere quel virtuoso "no taxation without representation" che è un principio fondamentale di buon senso e di buon governo
    • bob Rispondi
      ...la favoletta del residuo fiscale è stantia..paghi perchè ricevi molto più di quello che dai. Quello che tu chiami residuo fiscale è il risultato di tante voci che il sistema Paese ancora ti mette a disposizione per crescere e quindi per produrlo. Le banche venete è solo la punta di un icebergl' inizio di un processo molto pericolo che colpirà pubblico e privato. Segnati la data odierna ne riparliamo tra 3-4 anni
      • francesca soldato fumagalli Rispondi
        la favoletta te la racconti tu: studiati i dati della composizione di ciò che viene computato per stabilire il residuo fiscale e ti rendereai conto di aver effettuato un'affermazione alla grullino, cioè senza alcun fondamento di dati. I dati sono pubblici e la CGIA di Mestre li ha pubblicati (poi ci sono anche quelli, più analitici, pubblicati da Regione Lombardia, che ha commissionati a terzi lo studio)
        • bob Rispondi
          ..a me non serve raccontarmela tantomeno da certe fonti ( ho fatto un lavoro sul campo di fatturati, progetti e processi commerciali). Devi vedere come si realizza quello che Tu chiami "residuo fiscale" . Lo hai realizzato con l'Expo, per tanti anni con la cassa del mezzogiorno ( la Brambilla Sud- la Bianchi Sud etc) siete la succursale del Vaticano la "riserva indiana" . La Sanità che ti cambia la trachea per avere il rimborso ( esperienza personale) La capitale europea che con 4 garagi adibiti a negozi pomposamente è un "quadrilatero della moda". La realtà è fatta di concreto e di altri numeri e non si statistiche manipolate. Quando metterano mano al credito d'IVA per le esportazioni ci faremo due risate pure sulle "esportazioni cartacee". A risentirci
    • Paolo Balduzzi Rispondi
      La frase cui fa riferimento è la seguente: "La riforma costituzionale bocciata nel dicembre 2016 – quella sì – avrebbe potuto facilitare il processo". Grazie per l'osservazione, così ho occasione per chiarire. La parola cruciale è "facilitare"; non ho certo scritto che avrebbero potuto chiedere maggiori poteri. Ma il nuovo art. 116 avrebbe introdotto un requisito (l'equilibrio tra entrate e spese in bilancio) che avrebbe selezionato in partenza le Regioni che avrebbero potuto richiedere (o meno) più autonomia. Ci pensi, se bastasse un referendum, peraltro dall'esito quasi ovvio, per ottenere più autonomia, nel 2018 tutte le regioni lo organizzeranno. Lo Stato non credo vorrà cedere potere a TUTTE le regioni e quindi, in mancanza di criteri oggettivi, potrebbe opporsi a TUTTE le richieste. Se invece avessero potuto chiedere maggiore autonomia solo le Regioni in ordine coi conti, allora - questa è la mia tesi - lo Stato avrebbe concesso questa autonomia più facilmente. Spero di essere stato sufficientemente chiaro. Ovviamente possiamo non essere d'accordo, ma almeno sa come la penso in maniera più precisa
    • bob Rispondi
      una volta c'era Roma ladrona si è visto come è andata a finire
  3. francesca soldato fumagalli Rispondi
    Premesso che questi due referendum probabilmente (ma per ragioni opposte a quelle indicate nell'articolo) non avranno alcun impatto pratico, sta di fatto che sono molto temuti dal resto della repubblica (politici e cittadini del resto della repubblica) e per ragioni, evidentissime, ma sottaciute dall'autore: i residui fiscali di Veneto e Lombardia. Ebbene, l'autore si pone questa domanda "retorica" che già contiene la risposta per le menti "che non conoscono" e che certo "è meglio tenere senza informazioni": "perché mai non vorremmo avere più autonomia se non vengono indicati i costi per ottenerla?". Le risposndo io: le risorse ci sono e sono già contenute nel residuo fiscale, che, ovviamente, dovrà essere decurtato della quota a copertura della competenze "regionalizzate" e questo spabventa da morire il governo centrale e tutto il resto d'italia che vive bgrazie a quei due residui fiscali. Che sono numeri importantissimi: per Lombardia è pari a circa 55 milardi, cioè mediamente euro 5.500 a testa per tutti i dieci milioni di lombardi (compresi neonati e bisnonni).
    • bob Rispondi
      "questo spabventa da morire il governo centrale e tutto il resto d'italia che vive bgrazie a quei due residui fiscali" Non spaventa nessuno stia tranquilla il resto d' Italia vive di quello che quotidianamente produce e del proprio lavoro . L' economia con le favole e le statistiche propinate al popolino ha le gambe corte....allora meglio gridare e di cose che non hanno riscontro....il patrimonio culturale lo permette la realtà no
      • francesca soldato fumagalli Rispondi
        bene, allora se non sono spaventati (il governo centrale e il resto della repubblica) converrà con me che certamente non hanno motivo di opporsi all'uscita del lombrado-veneto da questa realtà statale e costituzionale per rendersi stati autonomi, vero?
    • Paolo Balduzzi Rispondi
      "Le risorse ci sono e sono già contenute nel residuo fiscale, che, ovviamente, dovrà essere decurtato della quota a copertura della competenze "regionalizzate"". Quell"'ovviamente" non è ovvio per nulla: in base a che cosa (fonte o prassi) potremmo sostenere questa posizione?
      • francesca soldato fumagalli Rispondi
        le fonti sono pubbliche e pubblicate: alcune le ho citate sopra. Io. Invece lei risponde dicendo che dovrei essere io a dimostrare il contrario di quello che afferma lei. Non ho capito: a lei basta dire "è così perchè lo dico io" per dare fondamentoalle sue tesi? Aspetto la dimostrazione, numeri e dati alla mano, della sua tesi. Dopo ne parliamo.....
        • Paolo Balduzzi Rispondi
          La mia domanda è diversa: dove starebbe scritto che le maggiori spese sarebbero "ovviamente" finanziate dai residui fiscali? Questo è quello che lei sostiene. Quanto valgono i residui è ininfluente. Io invece cosa dovrei dimostrare?
          • francesca soldato fumagalli
            no, la sua domanda è sbagliata e, in ogni caso, contraddetta dalla logica. Comunque prendo atto che lei non dimostra il fondamento della sua domanda e non porta dati. Saluti!
          • bob
            questo valgono: http://milano.repubblica.it/cronaca/2017/07/26/news/maroni_acquista_24_000_tablet_per_il_voto_al_referendum_sull_autonomia_del_22_ottobre-171683702/?ref=RHPPLF-BH-I0-C8-P2-S1.8-T1
      • francesca soldato fumagalli Rispondi
        ecco alcuni studi con dati: li confuti e poi ne parliamo http://www.cgiamestre.com/wp-content/uploads/2015/02/residuofiscale.pdf http://www.consiglio.regione.lombardia.it/c/document_library/get_file?uuid=ffb27df6-3133-4ed4-bef7-e31037fd9b24&groupId=38960
  4. ForestOne Rispondi
    Come si dice: questo Referendum fa fine e non impegna...
  5. bob Rispondi
    da sempre questo clan propone inutilità! Il Paese si può salvare solo se si costituisce trasvelsalmente un "Comitato di salute pubblica" formato da intellettuali, imprenditori illuminati, giovani, cittadini che spazza via questa classe politica ormai eletta con appena il 20% dei voti
  6. Sergio Rispondi
    Questa voglia di autonomia non ha escluso che si richiedesse allo Stato nazionale (cioè al "resto" degli Italiani) di salvare le banche venete. Due pesi e due misure: una per avere e una per dare?
  7. Paolo Forin Rispondi
    "Maggiori competenze in tutte le materie possibili" è quello che spero, ma se anche fosse una sola piccola autonomia sarei contento: da qualche parte bisogna pur iniziare. Quando ai costi, spero li paghi la Regione Veneto, per il suo: se così fosse, di cosa ci si preoccupa? Giusto per sottolineare quanto è spuntata l'arma delle spese, mi pare anche di ricordare che era stato chiesto l'accorpamento dei referendum alle amministrative proprio per risparmiare, e che il governo lo ha negato. Questo referendum farà da contrappasso a quello (invalido) di annessione del Veneto all'Italia e segnerà il punto di svolta.
    • Paolo Balduzzi Rispondi
      Forse non sono stato sufficientemente chiaro ma per me il problema delle spese è fuori lugoo. Se la democrazia si fonda sul voto e il voto costa, è un bene sostenere queste spese. Facciamocene una ragione, come scrivo nell'articolo
  8. Antonio Rispondi
    E' un referendum inutile, senza contare che la Lega governa il Veneto da decenni ed è stata al potere (governo nazionale) con Forza Italia per lungo tempo. Solo ora Zaia si sveglia per chiedere l'autonomia della regione? Non poteva farlo prima? Questo referendum è solo fumo negli occhi.
  9. Giacomo Rispondi
    Un'articolo intitolato così poteva pubblicarlo meglio su Repubblica. Sulla Voce un esperto come Balduzzi potrebbe analizzare degli scenari che si possano aprire dopo il referendum. Invece lui dà per scontato che non cambi niente e che si siano sprecati 50 milioni per tenere dei referendum che, a prescindere dal voto dei cittadini, non verranno mai considerati dal parlamento. Se così fosse, sarebbe un cattivissimo esempio di democrazia, la cui colpa ricadrebbe sulla politica nazionale e non su quella locale che ha indetto il referendum. Se invece il referendum fallisse, sarebbe la prova che Lombardia e Veneto non vogliono più autonomia, e certe istanze cesserebbero per sempre. Quindi qualche risultato ci sarebbe comunque, o no? E poi non si capisce perché il referendum costituzionale del 2016, costato molto di più e bocciato dagli elettori, avrebbe dato più autonomia alle regioni. La lettura prevalente degli esperti è al contrario che avrebbe ricentralizzato molte competenze.
    • Paolo Balduzzi Rispondi
      Buongiorno, più che dare per scontato che non cambierà nulla, sostengo che il passaggio referendario è sostanzialmente inutile. Forse, e sottolineo il forse, se in molti andranno a votare (ecco, dò per scontato che vincerà il Sì, questo lo ammetto), alle Regioni andrà meglio di come è andata in passato. Tuttavia, avrebbero potuto ottenere lo stesso anche senza l'inutile, appunto, referendum
  10. Eric P. Rispondi
    1) Penso invece che i gesti politici siano importanti e non inutili. Tanto è vero che di fatto ben poche forze politiche si sono opposte a questi referendum. Il PD si è astenuto se non sbaglio. Segno che si tratta di una questione molto sentita in Lombardia e Veneto. Questione che questi referendum contribuiscono a riportare nel dibattito politico dopo che erano state abbandonate. 2) a mio parere la frase più cauta nel referendum lombardo è fatta più per gli alleati di centro destra del governatore che per gli elettori di sinistra.
    • Amegighi Rispondi
      Il punto è, come riferito chiaramente nell'articolo, che si va a votare un qualcosa di vuoto e non delle precise indicazioni. E per di più, si spendono dei soldi, proprio in due Regioni dove sono stati fatti (nel bene e nel male) tagli di Bilancio per ottimizzare la spesa e ridurre gli sprechi. Francamente, degli elettori, anche autonomisti o sostenitori del Referendum, meriterebbero un miglior rispetto da parte degli Amministratori, e non la solita proposta fumosa ceh viene poi gestita tra pochi a proprio piacere, dopo la votazione. Nella patria dei referendum (Svizzera), i quesiti sono chiaramente espressi e, inoltre, sono chiaramente articolati i punti in discussione. Inoltre, sono ampiamente accessibili al cittadino (Votazioni popolari, sito della Confederazione Svizzera) che è in grado di valutare esattamente i punti in disucssione, i pro e i contro. La chiara definizione dei punti in discussione e sotto votazione è alla base della piena RESPONSABILIZZAZIONE di chi propone la votazione ed eventualmente vince. Infatti l'elettore sa benissimo cosa ha votato ed è benissimo in grado di valutare se ciò che ha votato viene poi applicato come conseguenza della votazione popolare. Ma, forse, questo relazione biunivoca elettore-amministratore/rappresentante alla base del criterio di RESPONSABILITA' verso l'elettore del suo rappresentante, non è molto digerita, nemmeno nelle Regioni del cosiddetto Buon Governo....
      • luca Rispondi
        nella 'patria dei referendum' il risultato è legge, e nessuno si sognerebbe di alterare o ignorare il risultato. qui da noi sappiamo bene come va a finire.. inoltre, nella 'patria dei referendum' si può chiedere una consultazione popolare anche su materie fiscali, mentre la 'costituzione più bella del mondo' lo impedisce. se così non fosse, sarebbe stato proposto un quesito alternativo: "Cittadini lombardi, volete pagare 50 miliardi di euro in più per ciò che lo Stato vi concede, con i vostri quattrini?"
        • francesca soldato fumagalli Rispondi
          ottimo! Osservazioni definitive e fondatissime!
  11. Savino Rispondi
    Veneto Banca e Banca Popolare di Vicenza dovrebbero rientare nelle competenze del Serenissimo ed Indipendentissimo Stato Veneto dell'Illustrissimo Doge Luca Zaia per essere salvate, assieme alle sciocchezze del loro managment veneto. Così come gli Indipendenti provvederanno per i danni causati da maltemo e siccità, che Zaia si è gia precipitato a chiedere. Allora perchè pagano pure quelli degli altri territori?