logo


  1. Giorgio Cannella Rispondi
    "monitorare risultati e politiche per la produttività" dovrebbe essere un compito del Ministero dell'economia e delle finanze e del Ministero per lo sviluppo economico. Mi sbaglio ?
    • andrea goldstein Rispondi
      penso che Mef e Mise debbano fissare le politiche, poi a qualcun altro il compito di valutarne i risultati, in indipendenza
  2. Marco Biagiotti Rispondi
    Gentile autore, premesso che la "pessima reputazione di ente inutile" di cui godrebbe il CNEL non è (per fortuna) un dato universalmente condiviso e che i suoi limiti sono "fin troppo noti" soprattutto a chi fa largo uso di informazioni di facile consumo, ritengo che la Sua proposta sia molto interessante e che meriterebbe di essere presa in seria considerazione nell'ambito della prevista riforma dell'Istituzione. Peraltro, il tema della produttività è strettamente connesso a quello dello sviluppo e del monitoraggio delle relazioni industriali, su cui il CNEL riformato potrebbe (dovrebbe) essere messo in grado di dare un contributo non secondario in termini di conoscenza, analisi e proposta, anche in chiave di comparazione internazionale. La ringrazio per l'interessante spunto di riflessione.
    • andrea goldstein Rispondi
      Ringrazio per il commento, sulla caratterizzazione del Cnel rimando in particolare alla Commissione per la riforma costituzionale del 2013.