logo


  1. andrea de conno Rispondi
    La flessibilità dei salari verso il basso, a parità di condizioni, ha da sempre attratto le imprese. Il problema è se poi questo si traduce in aumento di ricchezza/benessere per i territori e verso cui queste imprese si muovono. Se non si combinano più politiche (reddito di inclusione, diminuzione dell'abbandono scolastico, servizi sociali sanitari educativi, infrastrutture) non è ipotizzabile che questo non basti a creare dinamiche di maggior benessere per le famiglie e sviluppo di competenze? Grazie
  2. asca Rispondi
    Non c'e speranza. Chi crede che la legge di mercato tra domanda ed offerta possa funzionare e' un teorico illuso. Funziona solo a risorse (tempo) infinite, cosa che non e' di noi umani. Non manca la necessita di lavoro, altrimenti non ci sarebbero problemi di pulizia, sanita, sicurezza, dissesto del territorio ecc ecc. Manca la volontà di retribuirlo !!!!! Incredibile mi trovo a dare ragione a Cremaschi (ex FIOM).