logo


  1. Sergio Mulatero Rispondi
    Molto interessante, ottima sintesi. Un dubbio: se è vero che conveniva acquistare i vettori (vedi Ryanair ed Easyjet), non sarà poi che tutti questi contratti di leasing estremamente onerosi siano stati essi stessi il "core business" dei precedenti amministratori della compagnia? La parola alla Storia ... ed alla magistratura!
  2. Marco Rispondi
    Dispiace per TUTTI i lavoratori di aziende non competitive, eppure speravo il comunismo si fosse rivelato perdente anche nell'epoca delle post verità. I commissari liquidatori dovrebbero liquidare, la prosecuzione temporanea d'impresa dovrebbe essere residuale e temporanea, eppure si parla quasi solo di questa e nessuna asta è stata bandita per disfarsi dei vari pezzi di Alitalia. Quando si arriva alla liquidazione, a maggior ragione con un "prestito ponte" (tranquilli, sono realista, anche di questi 600 milioni non vedremo tornare nulla) il tempo dei tentativi è concluso, la realtà è che ormai il paziente è morto, si tratta di seppellirlo. Poi ci si lamenta che le tasse sono alte. Ci credo, non abbiamo servizi ma abbiamo carrozzoni che forse nemmeno l'USSR.
  3. Hk Rispondi
    Mi sembra che le conclusioni siano affatto diverse. L'ultimo grafico mostra che gli aerei Alitalia volano pochissimo. Chi fa che volino? Il personale! Il personale!
  4. Federico Leva Rispondi
    Grazie. Sarebbe interessante capire se alla società di leasing dell'ex padrone di AirOne siano state strappate condizioni convenienti. Sbaglio o da questa conclusione emerge che Alitalia sarebbe potenzialmente appetibile per un qualche operatore in grado di ridurre sensibilmente il costo della flotta, ad esempio usando i propri aerei di proprietà e dismettendo i leasing non convenienti? I vettori UE con una flotta comparabile di A320 sono Easyjet, Vueling, British Airways, Lifthansa, Wizz Air, Air Berlin, Air France. Di queste solo un paio hanno attualmente le mani libere da magagne...
  5. Baffo Giuseppe Rispondi
    Bravo Arrigo, per aver utilizzato una metodologia semplice ma nello stesso tempo molto immediata ed efficace. Che ha un grande merito, oltre a quello di separare sapientemente il grano dalla gramigna, consistente nel rendere convincente un dato della realtà che stante ai media, non sembrava neanche lontanamente verosimile. Anche perchè, se detto dai sindacati, poteva apparire di parte, nel senso di fazioso apriori. Insomma, un caso esemplare di "disvelamento della realtà", in assenza del quale saremmo stati in presenza di un caso esemplare di "costruzione della realtà". Giuseppe Baffo
  6. Michele Rispondi
    Una ulteriore prova che hanno fatto molto bene i dipendenti Alitalia a bocciare il piano industriale proposto