logo


  1. Giuliano Rispondi
    Il mondo è dei furbi e da noi i furbi sono molti. Così lo stupido che paga regolarmente è giusto che paghi tasse maggiorate. Gli serva da insegnamento per il futuro. Non sarebbe meglio a questo punto (persa per persa) far entrare lo Stato nel Fondo Atlante al fine di farlo concorrere con i vari avvoltoi in attesa delle spoglie dei NPL?
  2. Michele Rispondi
    Ottime proposte: un forte incentivo a favore di tutti i debitori a non ripagare i propri debiti, costringere le banche (ma perché limitarsi alle banche? meglio estendere la norma a tutti i crediti/debiti) a svalutarli in bilancio e poi a cederli a valori ridotti... il tutto condito con incentivi fiscali per i creditori e magari anche a favore dei debitori...A quando l'invenzione del moto perpetuo per decreto legge?
  3. Henri Schmit Rispondi
    I NPL sono tre volte la media europea. Come spiegare? La crisi è tre volte più grave in Italia? No. Il volume dei NPL non è il prodotto meccanico della crisi, ma ha anche ragioni comportamentali, culturali o antropologiche diceva qualcuno, che amplificano il risultato, nel bene e nel male. Forse questi comportamenti viziosi, illeciti o borderline, si sono intensificati con la crisi: un primo problema chiama una soluzione che crea un problema ancora più grave. Basta guardare i titoli dei giornali: (elenco a caso) costo alta velocità al km + numerosi casi di corruzione nelle concessioni edilizie + expo + alitalia + monorchio + consip + sanità + centri per gli immigrati + etc etc etc, tutti casi di prezzi gonfiati a danno della comunità (privati o pubblico); questo significa che per assicurare l'arricchimento veloce a pochi si forza - certo non sempre ma direi sistematicamente - la conclusione del contratto, spesso con il finanziatore connivente, o peggio; la banca ovviamente preferisce operazioni "sicure" a quelle di mercato. Se qualcuno mette i bastoni fra le ruote del sistema, il sistema si difende e lo fa fuori (posso precisare in 1a persona), ma alla fine il sistema fa ... boom. Chi ignora questo aspetto dei NPL, dell'analisi di una soluzione che dovrebbe provare a far pagare i colpevoli (o a non farli guadagnare una seconda volta), non fa altro che aiutare il sistema a durare nel tempo. A giudicare dalle proposte dei politici, temo che sia quello che sta succedendo.
  4. GIANNI VINCENZI Rispondi
    Ma non sarebbe possibile, visto che parliamo di immobili, far acquistare dallo Stato o Ente pubblico buona parte delle sofferenze (a prezzi di saldo) e quindi affittare con diritto di riscatto gli immobili alle famiglie bisognose (che sono tante)? I risultati sarebbero: ridare liquidità alle banche che potrebbero rimetterla in circolo, venire in contro alle migliaia di famiglie che necessitano di un alloggio ma non possono comprarselo oggi, sbloccare il mercato immobiliare sotto scacco delle vendite all'asta. Grazie