logo


  1. Savino Rispondi
    Sono le problematiche di iniquità di un'Italia che ha scelto volutamente di essere un Paese per vecchi. All'oigine, quindi, vi è la mancanza di rispetto, per eccesso di egoismo, verso le generazioni future, le uniche in grado di garantire (col loro lavoro, se glielo fanno svolgere) servizi sanitari adeguati. Invece, l'Italia continua a vivere di mentalità arretrate e falsi miti su presunte immortalità. Auguro agli italiani di tornare sulla Terra e, magari rinunciando a qualche decina di Euro oggi (se lo avessero fatto i lavoratori di Alitalia.....) di ricordarsi del proprio benessere anche nella terza età.
    • Riccardo Antonangeli Rispondi
      La Salute è troppo importante per farla gestire solo (o in prevalenza) ai politici. L'esperienza degli ultimi decenni mostra un mare di finanziamenti per edilizia sanitaria ex novo, laddove gli spazi acquisiti rimangono semivuoti per mancanza di personale medico e paramedico. In compenso, sempre meno posti letto. Altri fiumi di finanziamento per i Direttori Generali, che più risparmiano (meno posti letto, meno personale) più guadagnano. E le strumentazioni di alto livello tecnologico? Insomma, non si può avere tutto. E i pazienti? Come sempre, si arrangino.