logo


  1. marco giorgini Rispondi
    Sono perplesso quando si citano le pensioni dei funzionari europei come esempio di "impegni finanziari che Londra ha preso nei confronti della UE e che non ha ancora assolto. "Si parla di 20 Mld di GBP secondo fonti UK e di 60 Mld di Eur secondo fonti interne alla commissione europea. I funzionari UK sono un migliaio (ordine di grandezza) i funzionari pensionati saranno altrettanti (stima molto abbondante), come si puó pensare che il costo di 20 anni di pensioni (valore medio) possa rappresentare piu' di qualche punto percentuale (tra 1 e il 5%, ordine di grandezza) delle cifre che sono citate sopra (tra i 20 Mld di GBP e i 60 di Euro). E' allora la voce più rappresentativa tra gli impegni finanziari presi e non assolti? Non mi sembra. Non e' la prima volta che i media citano come esempio quella voce: le pensioni dei funzionari. Qual è la fonte the Sun, Mirror o magari Build?.
    • Maurizio Cocucci Rispondi
      La fonte è la Commissione Europea che cita una analisi dell'Istituto Jacques Delors il quale calcola le conseguenze dell'uscita della Gran Bretagna sul bilancio europeo per i prossimi 6 anni (cioè fino al 2023) che include piani di investimento (non solo quindi le pensioni dei funzionari europei) per i quali la stessa Gran Bretagna si era impegnata a contribuire. Questo studio che è disponibile in rete, mostra che il contributo dei Paesi UE senza Gran Bretagna passa da 155 mld di euro a 138 mld, dato che 7 rientravano in Gran Bretagna, dei 17 a carico della stessa, risulta che la perdita equivale a 10 mld di euro l'anno. La Gran Bretagna contesta il fatto di dover pagare per 6 anni questa cifra, pari quindi a 60 mld di euro, e difatti sono coinvolti i rispettivi legali e sarà oggetto di contenzioso che facilmente influenzerà le trattative.