logo


  1. Marco La Colla Rispondi
    Avendo riletto con maggiore attenzione l'articolo, chiedo scusa ai suoi estensori. Quel "si trattava di favorire" mi sembrava riferito alla produzione usa di shale oil. mente invece si riferiva a quella di petrolio da "sabbie bituminose" canadesi. L'incongruenza che segnalavo, legata a tale equivoco, è così inesistente
  2. Marco La Colla Rispondi
    Leggendo l'articolo, noto una incongruenza nel fatto che Obama non volesse l'oleodotto per favorire la produzione Usa di petrolio non convenzionale, estremamente energivoro e quindi ad alto contenuto di carbonio, con la sua sempre dichiarata attenzione all'ambiente. Tra l'altro gli shall oil/gas hanno dimostrato di essere altamente inquinanti per le falde acquifere e gli alti costi di estrazione erano giustificati solo ad un costo barile vicino ai cento dollari .
  3. Pier Giorgi Visintin Rispondi
    Si può pensare che sia solo propaganda: una cortina di fumo atta a nascondere l'insipienza di Trump. Come è stato già detto.