logo


  1. fatti neri Rispondi
    ottimo articolo dove sale la rabbia di fronte ai tagli sanità e assenteisti che ci lavorano, non oso pensare a quanto perdono arriveremo di questo passo, il passo dell'annuncite
  2. Enrico Motta Rispondi
    Come dice Daveri il "governo deve porsi il problema di attuare una spending review". Ma non solo il governo deve porselo, bensì altre categorie, ad esempio gli economisti. Se molti di loro continuano a dire che il problema principale non è il debito o il deficit, ma la crescita, allora perché il Governo dovrebbe impegnarsi tanto nella spending r.? Così Renzi si è sentito un eroe perché ha portato il deficit del 2016 dal 2,4 al 2,6% del PIL, e non si è certo sentito in colpa se non ha spinto sulla spending review. E pensare di fare investimenti in deficit da cui deriverebbe poi la crescita mi sembra fantasia; o almeno bisognerebbe calcolare il costo in interessi del nuovo debito.
  3. Tds Rispondi
    Tuttavia, un sito come Lavoce dovrebbe evitare di scrivere "È" con l'apostrofo solo perché maiuscolo.. è piuttosto semplice, e lo raccomanderei all'editor di qualsiasi testata anche online, apprendere il comando per scrivere le maiuscole accentate.. non sono così tanto sottigliezze come sembra queste!
  4. Giovanni Rossi Rispondi
    La spesa pubblica italiana sfora perchè la Pubblica Amministrazione e' sommamente inefficiente e corrotta e la classe politica non è minimamente interessata alla riduzione degli sprechi finche gli italioti, che sono la maggioranza ,preferiranno votarla in cambio di prebende e favori
  5. Matteo P Rispondi
    L'ultimo link mi ha spiazzato! ahahahah!
  6. Carmelo Catalano Rispondi
    Mi viene il dubbio che l'autore non abbia letto, o non condivida, l'analisi di Cottarelli. Che evidenzia in maniera chiara un fatto, anzi due. Che l'Italia quanto a spesa pubblica sfora su due fronti: a) la previdenza; b) gli interessi. Quindi non penso ci sia da attendersi alcun risparmio dalla spending review. Discorso diverso per la riqualificazione della spesa.
  7. sottoscritto Rispondi
    Cottarelli bis?