logo


  1. stef68 Rispondi
    Ancora una volta si dimostra come il governo federale degli Stati Uniti non esiti a schierarsi a fianco delle multinazionali USA anche in battaglie che invece dovrebbe fare proprie; infatti, la stessa Apple cui è stato ordinato di restituire circa 13 miliardi di euro di imposte non versate, ha pagato al governo degli Stati Uniti una cifra inferiore a quella dovuta perché ha scelto di attribuire in quel paese la maggior parte dei propri costi di produzione mentre ha dichiarato la maggior parte dei ricavi in Irlanda in cui ha potuto beneficiare di una tassazione quasi inesistente. Spero che la UE non receda all'ultimo momento dalle proprie decisioni e proceda spedita su questa linea, in modo da rappresentare un deterrente per tutte le aziende e gli stati che vorranno in futuro provare ad omettere il versamento delle imposte dovute.
  2. SpeculaThor Rispondi
    Ottima sintesi. Le Multinazionali ormai sono Sopra gli Stati e le Confederazioni (sia Usa che Europea). I Governi e la Politica Eseguono o con le buone o con le cattive. Disputa fiscale da leggersi insieme ad altri eventi: sospensione Ttip da parte di Germania e Francia. Guerra Usa alla VW. Fra qualche anno ne vedremo delle bruttissime. E saran di tipo finanziario.
    • Emanuele Rispondi
      Sopra gli Stati è evidente (inclusi gli US), sopra l'UE non mi pare proprio. Ovviamente pur di tifare per l'eurofobia, milioni di europei si stanno allineando con le posizioni delle imprese provate statunitensi, che non a caso hanno iniziato a sparare slogan populisti della peggior specie. Mi viene da dire: continuiamo a farci del male.
      • SpeculaThor Rispondi
        Ma tu lo sai che mestiere faceva Junker prima che i nostri Gov lo piazzassero lì ?