logo


  1. Marco Trento Rispondi
    È necessario essere consapevoli che il matrimonio poliandrico e la poligamo saranno la logica e necessaria conseguenza del matrimonio omo. Già in USA si annunciano ricorsi contro il divieto di unioni poligame. Un'altra questione riguarda i diritti dei single di cui nessuno tiene conto. Nessuno ha mai chiarito perché il matrimonio omo debba generare vantaggi fiscali, pensioni di reversibilità e scatti di carriera nel pubblico impiego a scapito dei lavoratori single. È una discriminazione non giustificabile. Se tali vantaggi si giustificano con l'argomento della solidarietà collettiva verso chi procrea, non è chiaro perché estenderli alle coppie omo, incapaci di procreare per definizione. Il matrimonio omo viola l'eguaglianza coi single. Perché una lesbica che si sposa con una donna deve essere favorita nella carriera rispetto a una nubile che magari aspetta uno scatto di carriera per stabilizzarsi e fondare una famiglia? Perché un single deve accettare di essere tassato per finanziare la pensione di reversibilità di un gay? Il matrimonio omo viola il patto sociale di solidarietà in favore di chi genera figli e premia non già l'uguaglianza, ma l'attivisto della lobby omo che rivendica abusivamente rendite di posizione e privilegi a spese dei single. Abbandoniamo il politicamente corretto e le mode. Torniamo ai fondamentali e sosteniamo la famiglia vera, che poi è il pilastro della società. Per gli omo si istituisca un contratto privato ad hoc per eredità e visite in ospedale
    • Francesco Rispondi
      Mi soffermerò solo su un punto: "Se tali vantaggi (fiscali, pensioni..) si giustificano con l'argomento della solidarietà collettiva verso chi procrea," non é chiaro perché non siano solo dati alle famiglie con figli. Se invece la società trae benefici dalle unioni di individui (debiti, etc) allora non è chiaro perchè le unioni omosessuali siano escluse. Che i single siano discriminati è purtroppo vero, dovrebbero ricevere la pensione del superiore! Da cattolico, mi chiedo perché io debba essere tassato per pagare associazioni, mafie, pensioni anticipate di persone che usano a sproposito la parola "famiglia".
  2. davide445 Rispondi
    Sono sempre stato a favore delle unioni omosessuali, un bene per le coppie e per lo stato in quanto a migliori prospettive economiche e sanitarie. Non sono invece mai stato a favore sull'opportuniutà di far adottare figli a coppie che non potranno evidentemente dare loro una educazione improntata su una sessualità etero che di fatto è l'unico modo biologico per mantenere e sviluppare una popolazione. Stiamo a mio parere sopravanzando il bene o la liberta individuale perdendo di vista l'interesse collettivo, con una natalità ai minimi mondiali e un saldo emigrazione/immigrazione negativo non è una politica sostenibile se vogliamo che l'Italia in quanto nazione e società continui ad avere senso.
    • mklnxzi Rispondi
      Cos'è l'educazione "improntata su una sessualità etero"? Se è vero che il rapporto etero è "l'unico modo biologico per mantenere e sviluppare una popolazione" (per il momento), non si può dire che "l'educazione improntata su una sessualità etero" sia conseguentemente necessaria a tali fini. Prova ne è che (1) figli cresciuti in coppie gay possono procreare e certamente lo fanno, e (2) la grande maggioranza delle persone gay sono cresciute secondo una "educazione improntata su una sessualità etero" (questa è una mia intuizione, ma non garantisco, visto che non so precisamente cosa intende). E poi deve anche spiegare come la concessione di diritti a persone gay vada contro l'interesse collettivo. Pensa forse che se non si possono sposare, i gay inizino a procreare e a infondere una "educazione improntata su una sessualità etero" ai loro figli? O pensa forse che masse di persone eterosessuali si sposeranno con persone del loro stesso sesso, qualora venisse data loro l'opportunità, smettendo contestualmente di procreare? O forse pensa che i figli di coppie gay siano necessariamente gay, così che il mondo, un giorno, sarà tutto gay? (visto che dalle coppie etero, evidentemente, nascono persone gay). Dal suo commento traspare uno scenario apocalittico che poco ha a che fare con il semplice riconoscimento di diritti. Le consiglio di riflettere maggiormente.