logo


  1. tiberio damiani Rispondi
    la esenzione ticket è regolata da precise disposizioni di legge, contenute in questa pagina: http://www.salute.gov.it/portale/news/p3_2_1_1_1.jsp?lingua=italiano&menu=notizie&p=dalministero&id=959 . penso sia opportuno ricordare che le patologie per cui è prevista la esenzione sono gravemente invalidanti e finalmente la esenzione ha perso la validità annuale per alcune tra le condizioni più gravi. penso che al questione sia da inquadrare in tutt'altro modo; al fine di valutare gli eccessivi consumi sanitari, andrebbe effettuata una analisi territoriale della spesa sanitaria in rapporto agli esiti, se ad esempio la popolazione diabetica in un certo distretto riduce al minimo i ricoveri in ospedale o clinica per complicanze, ed ha allo stesso tempo una buona assistenza domicliare con una adeguata prescrizione di farmaci ed accertamenti, ciò denota un buon uso delle risorse sanitarie. e ciò andrebbe applicato alle patologie invalidanti al fine di valutare non le singole spese (farmadeutica, ospedaliera ...) ma l'esito che si rileva per le singole patologie. fra l'altro la spesa sanitaria italiana è inferiore a quella degli altri paesi europei, ma con esiti migliori, secondo la recente classifica stilata da Bloomberg. sarebbe utile una analisi dei costi sanitari sostenuti presso la medicina privata, come anche sarebbe utile calcolare i costi personali ed economici di paziente e famiglia quando devono affrontare una patologia grave, sia in ambiente convenzionato che nel pubblico.
  2. Cesare Didoni Rispondi
    Nella discussione sui ticket sanitari si confondono fini e mezzi.. Se ricordo bene, i ticket sono stati introdotti per limitare gli sprechi. Se l’obiettivo è questo, i ticket dovrebbero essere pagati da tutti per tutte le prestazioni. Non ci dovrebbero essere esenzioni (salvo pochissime eccezioni, per casi drammatici). I ticket (anti-spreco) dovrebbero essere di valore modesto (il minimo che tutti “possono” pagare, sufficiente a penalizzare i consumi non necessari , scoraggiando lo spreco di massa). L’obiezione che ticket bassi non scoraggerebbero i “ricchi” non sarebbe importante, perché, sfortunatamente, i “ricchi” sono pochi e quindi il loro eventuale spreco sarebbe piccolo in valore assoluto. Se, invece, l’obiettivo è contribuire a finanziare il Sistema Sanitario, allora, e solo allora, ha senso studiare il mix ottimale tra ticket alti, soglie e casi di esenzione, perché, ovviamente, se alzo i ticket devo pormi il problema che non tutti lo possono sostenere. Qui si entra nel Paradiso delle burocrazie (o nell’Inferno dei cittadini, fatto di bolli, certificazioni, ISEE e altre diavolerie). Come tutti sanno, il diavolo fa le pentole e non i coperchi: in questo contesto non è sorprendente che non paga le tasse, perché evade, risparmia anche i ticket, mentre chi paga le tasse (per costrizione, se non per vocazione) paghi anche ticket salatissimi. Il mio personalissimo parere è che i ticket dovrebbero limitarsi a contribuire a scoraggiare gli sprechi.
  3. tiberio damiani Rispondi
    alcune precisazioni. la esenzione per patologia è strettamente definita da disposizioni di legge e non risponde ad altra necessità se non quella di garantire l'accesso a cure complesse e di lunga spettanza, spesso ad esito delicato. la popolazione anziana è per forza di cose quella maggiormente esposta a patologie degenerative per cui è necessario talora integrare la assistenza specialistica con quella del medico di medicina generale, spesso con ripetuti accessi domiciliari non solo medci, per garantire questa assistenza domiciliare integrata non penso sia possibile abolire la esenzione per chi ne ha diritto. aumentare i ticket senza migliorare l'offerta del ssn, significa spostare verso la assistenza privata l'utenza, senza però affermarlo esplicitamente. migliorare la assistenza significa ridurre i tempi di attesa, organizzare percorsi certi per i pazienti e i familiari, in modo da non lasciare ad essi l'onere di cercare appuntamenti e specialisti, salvo il diritto poi di scegliere lo specialista più gradito. aggiungo che esistono dei costi personali determinati dalla incertezza ansia per la necessità di ogranizzare un percorso di cure, che non vengono considerati nell'articolo. infine vorrei specificare che se l'obiettivo del ssn fosse la riscossione di ticket sarebbe come considerare il ssn come una succursane dell'agenzia delle entrate. obiettivo del ssn è assicurare percorsi di cure in maniera equanime. cordialità
  4. Federico M Rispondi
    In Italia dovremmo ispirarci ai modelli inglese e tedesco. Obbligo di prescrizione del bioequivalente (con più informazione da parte dei medici che sono particolarmente pigri) e tetto massimo complessivo sulle prescrizioni per i vari medici
  5. tiberio damiani Rispondi
    alcune puntualizzazioni. la esenzione ticket per patologia è regolata per legge e tutela i cittadini con gravi affezioni che hanno una elevata spettanza di cure ad elevata complessità. la popolazione anziana, inoltre, è la più esposta a patologie degenerative che, solo con una adeguata integrazione tra specialisti e medici di medicina generale, riescono a non gravare sulla spesa ospedaliera, tale complessità non può essere soggetta a tickt.la prescrizione di farmaci ed acceramenti incide sul budget del prescrittore ed è strettamete controllata dalle asl. aumentare i ticket senza migliorare l'offerta significa automaticamente incoraggiare il ricorso alla specialistica privata, vale a dire incrementare la privatizzazione senza volerlo dichiarare apertamente. il risparmio in sanità (prestazioni attese incertezze di familiari e pazienti) si avrebbe organizzando percorsi/pacchetti chiari fin dal rilievo di una condizione che necessiti una osservazione prolungata anzichè lasciare al paziente la organizzazione di un percorso di cure. inoltre si dimenticano due elementi nell'articolo, quanto costa al paziente o al familiare in tempo e denaro la organizzazione di un percorso di accertamenti e cure se non viene offerto dalla struttura, costi personali e sociali anche economici; secondo punto il ssn non ha come end point la esazione dei ticket sostitutivi di imposte ma ha come end point assicurare percorsi diagnostici e terapeutici efficaci. cordialità
  6. alessandro Rispondi
    Da utente e non da esperto faccio notare che una mammografia con ecografia in clinica privata austriaca costa 150 euro contro 120 euro fra ticket e contributi di digitalizzazione richiesti in toscana e senza entrare in liste di attesa di mesi
  7. AM Rispondi
    L'abolizione del ticket sarebbe una follia. Già in passato il ritardo nell'introduzione del ticket, rischiesta a gran voce dagli esperti, fece esplodere la spesa sanitaria con farmaci ed esami diagnostici non necessari. Nella situazione attuale italiana il ticket rappresenta l'unico freno agli sprechi e alle spese inutili.
  8. marcello Rispondi
    La proposta di abolire l'esenzione del ticket è semplicemente irricevibile. La famiglia media italiana è di 2,3 individui e questa storia del quoziente familiare semplicemente una diversione, se ne parla da decenni e ora, ammesso che avesse un senso, è tardi, come per il Quantitative easing.La riforma federale degli anni 90 è stat un fallimento. A parità di beni e servizi forniti lo stato avrebbe speso 600 mld in meno (su 2000 mld di debito non è poco). La spesa degli enti locali è fuori controllo, e dico la spesa corrente al netto della sanità,+7% tra il 2011-2013. La spesa per il personale è passata da 2,2 mld del 2010 a 2,9 mld nel 2012, quella per i soli dirigenti da 343 a 446 mln. L'irpef è una tassa suli dipendenti e pensionati (86%) che forniscono l'81% del gettito: come vivono i restanti 23 milioni di occupati? L'Isee è una trappola infernale che servirà solo a escludere i dipendenti e i pensionati. La sanità del Lazio, commissariata, spende 2.045 euro procapite il 54% in più della media nazionale, per l'assistenza visitare un qualsiasi pronto soccorso o provate a chiedere l'assis. domic. Non è più tempo di pannicelli caldi, occorre una riforma delle autonomie e la revoca delle deleghe. Nel frattempo si potrebbe generalizzare quanto fatto dalla Serracchiani: nessuno può guadagnare più di un Governatore o più di un Sindaco, con buona pace degli avvocati delle avvocature che guadagnano oltre 300mila euro anno. Stiamo morendo di tasse locali, dal 5,5% al 16% del totale o no?