logo


  1. Ugo Lucio Rispondi
    E chi ha una prima casa A.1 ed un reddito da pensione del tipo di 2000 euro/mese? Cornuto e mazziato: pagherà due volte, una come Imu e l'altra come la parte Ici della Tari.
  2. aldo lanfranconi Rispondi
    "...prevedendo ora l’imposizione in sede Irpef del 50 per cento dei redditi figurativi ma limitatamente alle case ubicate nel comune di residenza." Pertanto la seconda casa al mare o in montagna è esente: che senso ha?
    • AM Rispondi
      Tassare con i'imposta sui redditi come l'IRPEF le case sfitte (e quindi prive di reddito), indipendentemente da dove siano ubicate, ha comunque poco senso a meno che si vogliano colpire macchinosamente le locazioni in nero. In realtà si tratta a mio avviso di un'imposta patrimoniale mascherata che colpisce una certa tipologia del patrimonio immobiliare.
  3. rita Rispondi
    Non mi è chiaro il gettito Tasi previsto per l'abitazione principale. L'articolo prima parla di 3 miliardi e 700 (dati perfettamente conformi a quelli del Sole ) e nel paragrafo "chi guadagna e chi perde" fa riferimento ad un gettito di 1,65 miliardi. Come stanno le cose?
    • Simone Pellegrino Rispondi
      Il gettito complessivo della Tasi è 3,7 miliardi di euro. Questo dato riguarda tutti gli immobili delle famiglie e delle imprese. Come indicato nell’articolo, abbiamo simulato l’impatto sul comparto famiglie e abbiamo focalizzato l’attenzione sulle abitazioni ad uso residenziale, tralasciando le pertinenze e gli immobili di impresa. Il gettito della Tasi su tutti gli immobili del Gruppo catastale A di proprietà di famiglie è pari a 2,34 miliardi; considerando solo le prime case il gettito è 1,65 miliardi.