Lavoce.info

Author: Raul Caruso

puglisi Nato ad Avellino, è ricercatore in Politica Economica presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore e ha conseguito nel 2013 l’ASN per le funzioni di professore di seconda fascia. È editor in chief di Peace Economics, Peace Science and Public Policy, ed è nell’editorial board di Defence and Peace Economics. È executive director del Network of European Peace Scientists, responsabile del capitolo italiano dell’ EPS (Economists for Peace and Security) e direttore del CESPIC. Dal 2009 è responsabile dell’organizzazione della conferenza Jan Tinbergen European Peace Science Conference.

Quanto serve bloccare l’export di armi alla Turchia

Chiudere le esportazioni di armi verso la Turchia non comporterebbe grossi problemi per la nostra economia. Al di là degli aspetti contabili, andrebbe poi valutato il costo reputazionale per l’Italia della prosecuzione del commercio militare con Ankara. 

Difesa comune: così l’Europa dovrebbe rispondere a Trump

L’enfasi sul contributo dei paesi europei alla Nato mette in secondo piano la vera questione. L’Europa avrebbe bisogno di una politica di integrazione realmente efficace nella difesa, che conduca anche alla razionalizzazione della spesa militare.

Esportazione di armi: i costi li paga la democrazia

Si può impedire la vendita di armi ai paesi in guerra? In realtà, i trattati internazionali già prevedono molti limiti. Ma spesso lo stato, che dovrebbe esercitare i controlli, è anche produttore di armamenti, attraverso imprese di proprietà pubblica.

Sicurezza non fa rima con riarmo

Come mai il riarmo americano fa danni all’economia

Il ritorno al militarismo annunciato da Trump sarà un ostacolo allo sviluppo di lungo periodo, non solo negli Usa. La conseguenza peggiore sarà la non accumulazione di capitale umano, con effetti sulla produttività. Aggravati dai danni alla salute fisica e mentale dei reduci.

Nuove regole del gioco

Nuove regole per il calcio dovrebbero garantire una più corretta competizione sportiva. Perché a diversi incentivi corrispondono differenti livelli di impegno agonistico e con il “girone all’italiana” nelle ultime giornate chi “non ha più nulla da chiedere al campionato” non ha ragione di lottare per il risultato. Nascono anche da questo i comportamenti illeciti. La soluzione potrebbe essere in un meccanismo che lega la qualificazione alla Coppa Italia ai punti conquistati nel girone di ritorno. E apre alla vincitrice le porte della Champions League.

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén