Lavoce.info

Author: Paul De Grauwe

de grauve E' professore presso la London School of Economics. Ha insegnato precedentemente presso l'Università di Leuven, ed è stato visiting scholar presso l'FMI, il Board of Governors della Federal Reserve e la Banca del Giappone. E' stato membro del parlamento belga 1991-2003. Le sue ricerche vertono sugli interessi delle relazioni monetarie internazionali, l'integrazione monetaria, mercati dei cambi, e macroeconomia in economia aperta. Ha conseguito il Ph.D della Johns Hopkins University nel 1974 e honoris causae dell'Università degli Studi di Sankt Gallen (Svizzera), dell'Università di Turku (Finlandia), e l'Università di Genova. E' un CEPR Research Fellow.

E se la Brexit facesse bene all’Unione? *

Il 23 giugno nel Regno Unito si terrà il referendum sulla permanenza nella UE. E per l’Unione è forse meglio una vittoria della Brexit. Perché non è nell’interesse dell’Europa mantenere tra i suoi membri uno paese ostile allo spirito comunitario. E che persegue strategie volte a minarlo.

La stabilità è ancora un miraggio

Al summit europeo della scorsa settimana sono state prese alcune decisioni utili e importanti sull’unione bancaria e sulla ricapitalizzazione delle banche. Resta però aperta la domanda se le nuove misure riusciranno a rendere più stabili i mercati dei titoli di stato. Non è certo l’Esm, con 500 miliardi a disposizione, che può assicurare la stabilità. Il suo intervento rischia anzi di destabilizzare ulteriormente i mercati. Solo la Bce può garantire con successo un obiettivo simile, mettendo a disposizione le sue risorse illimitate.

Il nuovo patto? Non funzionerà

 

La terza versione del Patto di stabilità e crescita prevede sanzioni più severe e soprattutto automatiche per i paesi dell’eurozona che non rispettano i vincoli su debito e deficit. Ma le nuove regole sono destinate al fallimento, esattamente come quelle precedenti. Perché derivano da una analisi sbagliata delle cause della crisi. E per il difetto di legittimità politica che incombe sulla Commissione europea. Si possono però ipotizzare norme alternative, tenendo conto anche delle responsabilità delle autorità monetarie.

Grecia, come scongiurare l’effetto domino

La crisi della Grecia avrà un effetto destabilizzante per tutta l’area euro? La possibilità di un default del governo greco è in realtà remota, ma è vero che i mercati e le agenzie di rating danno segni di nervosismo. Anche nell’ipotesi peggiore, si può comunque evitare una crisi di sistema. Basta che gli altri stati dell’area offrano un aiuto finanziario. Che avrebbe costi decisamente inferiori a quelli già sostenuti per il salvataggio delle banche durante la crisi finanziaria. Soprattutto, i governi dell’eurozona dovrebbero rendere chiara la loro posizione sulla questione.

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén