logo


Rispondi a Luca Annulla risposta

1500

  1. Duilio Spalletti Rispondi
    Affascinante una linea tram ad anello che ripete l'esperienza della " circolare" storico mezzo pubblico di Roma. Credo che tutti i luoghi di lavoro hanno bisogno in Italia di un rivisitazione del giusto impiego dei lavoratori, e una nazione in riordino come la nostra deve puntare più sulla manutenzione che sull'acquisto, anche perchè il danaro resta in casa.
  2. pier paolo giacobazzi Rispondi
    a Buenos Aires gli autobus funzionano, vi commento cosa mi ha colpito del loro sistema: - tutti pagano il biglietto, perché sul bus si può salire solo da davanti, dove l'autista controlla aiutato da un suono, che conferma il passagio della tessera prepagata o l'introduzione delle monete (qui il biglietto costa di piú). - i bus sono vecchissimi, inizi anni '80, ma non credo che sia il problema, il punto fondamentale invece è che hai la certezza che passino, non rischi come a Roma di dover aspettare 30 minuti, quindi più spesa corrente in stipendi, che su infrastrutture. - i tempi dei bus, sono monitorati a metà tragitto, incentivando la disciplina. - qui il taxi è un mezzo popolare, i prezzi non sono proibitivi, c'è libera concorrenza, quindi se esco con il bus o metro e poi sono in ritardo, posso sempre optare per il taxi. - possibilitá di trasportare la bici in metro, con esclusione delle ore di punta. - forse, incentivare postazioni di bike-sharing vicino le fermate, darebbero un incentivo, all'optare per il trasporto pubblico, diventando un bene complementare allo stesso modo dell'abassare il prezzo dei taxi, contribuendo così al bisogno del cittadino: il trasporto da un posto ad un altro, certeza dei tempi ed elasticità. Il risultato, è che a Buenos Aires, moltissimi abitanti non possiedono un mezzo di trasporto proprio, perché non gli conviene.
  3. Alessio fionda Rispondi
    Tutto bene, peccato che non si dice altrettanto bene che atac deve ristrutturare i propri costi di esercizio, quanti stipendi politici vengono letteralmente regalati? Quale è la reale capacità di contrastare l'evasione tributaria? Basta girare a roma ed accorgersi degli sprechi. Quanto personale è veramente a valore aggiunto per il passeggero? Bene si metta mano alla gestione,poi parliamo di investimenti. Questo deve fare un buon management, che dovrebbe avere anche qualche minima capacità di leadership
  4. Emanuele Rigitano Rispondi
    La linea Terimini-Giardinetti diventerà Termini-Centocelle. Da quel che ho capito la linea bus 105 o partirà da Centocelle verso Termini o da Centocelle verso la periferia. La metro C partitrà con frequenze di 10 minuti e a regime ogni 5 minuti. Vedendo come sta andando la B1 sono pessimista. Bene che va avremo la linea fino a Colosseo, altrimenti San Giovanni. Tutto questo significa, a conti fatti, che dopo una spesa enorme e aumentata vertiginosamente avremo, dopo tutti questi anni, una qualità più o meno uguale a quella di oggi per quanto riguarda il trasporto pubblico, almeno su queste tratte.
  5. mauro polimanti Rispondi
    Bene, condivisibile
  6. Luca Rispondi
    Una follia allungare le linee A e B senza prima completare la C! Peggiora ancora di più il sovraffollamento delle due linee senza creare punti di sfogo! In ogni paese le metropolitane hanno una struttura a croci sovrapposte (hash tag) che consente il deflusso. La metropolitana più utile rimane per chi conosce la questione la D (in particolar modo la sua parte centrale tra Buenos Aires e Roma Trastevere) che permetterebbe la realizzazione di una ottima rete connettendosi alle altre, creando quella essenziale doppia croce (il simbolo del "cancelletto"). Sulla metro l'inetto Alemanno ha partorito due follie: l'aborto delle stazioni L.go Argentina e Chiesa Nuova e la "riformulazione del tracciato della D" (che invece era perfetto!). La C non può passare per il centro storico di Roma senza stazioni! Una follia da congresso psichiatrico!! Roma non ha mille problemi, ne ha innanzitutto uno, la mancanza di una rete metropolitana nella zona centrale che consenta di lasciare a casa l'auto. Bisogna trovare i soldi o la città muore, tagliando negli sperperi della Roma alemanna.
    • lili Rispondi
      le metropolitane a roma, soprattutto quelle che devono attrversare il centro, sono una completta follia! La città eterna deve rimanere eterna! innanzitutto chiudendo il cosiddetto centro alle autovetture! L'articolo ha ben delineato il problema e una probabile soluzione. è inutile continuare a scavare e creare altri problemi, es.: nel quartiere "re di roma/san giovanni" interessato dalla linea C, nei palazzi sotto i quali si sta scavando si sono verificati dei fenomeni anomali quali: innalzamento dei pavimenti, muri lesionati!