Lavoce.info

La freccia del Sud

“Veloce come Mennea”. Per chi è cresciuto negli anni ’70 in Italia non ci poteva essere complimento più grande, se si parlava di rapidità. Il termine di paragone assoluto. Pietro Mennea, morto ieri a 60 anni, era il Bolt di quegli anni. Record del mondo sui 200 metri nel 1979 a Città del Messico con un tempo, 19’’72, che avrebbe resistito per quasi 20 anni. Medaglia d’oro alle Olimpiadi di Mosca l’anno dopo, sempre sui 200 metri. Mennea era però diversissimo da Bolt. Un fisico “normale”, del tutto sprovvisto degli enormi muscoli che hanno i velocisti di oggi.

Riusciva a essere competitivo ai livelli più alti solo sottoponendosi ad allenamenti durissimi quasi ogni giorno dell’anno. A dirigerlo c’era il professor Carlo Vittori. Un ascolano e un barlettano, due prodotti della provincia italiana, che erano arrivati al vertice del mondo in una specialità universale come la velocità. Un meraviglioso controsenso.
La carriera di Mennea non è stata fatta solo di trionfi. Ricordo ancora la delusione del quarto posto ai giochi di Montreal e lo sfogo sulla mancanza di strutture per l’atletica in Italia. E tutti a pensare che erano solo scuse, che era la delusione, che non ce l’avrebbe più fatta a vincere una medaglia olimpica, che non reggeva la pressione. E quando nella finale dei giochi di Mosca uscì dalla curva dell’ottava corsia in ritardo netto su Wells, tutti abbiamo pensato che era finita. Invece poi la rimonta. “Recupera, recupera, recupera”. Centimetro dopo centimetro, metro dopo metro, istante dopo istante, in apnea lui e noi. La liberazione del traguardo, primo, medaglia d’oro, con il cronista che urla: “Ha vinto, ha vinto”. La gioia di sentirsi per un giorno in cima al mondo, anteprima dolcissima di quello che avremmo provato due anni dopo in Spagna.
Pietro Mennea, il più grande dell’atletica italiana. Non è un giudizio tecnico, non ne ho la competenza. E’ solo una verità incontrovertibile per chi ha vissuto quei giorni, chiedendo comprensione alla pure immensa Sara Simeoni.
Oggi uno con il fisico di Pietro Mennea non sarebbe nemmeno indirizzato verso i 200 metri. Oggi abbiamo l’Alta Velocità, sui binari e sulle corsie. E’ cambiata la tecnologia e c’è chi è finito fuori mercato. Il passato è passato e per sempre. In un momento così triste noi, ragazzi degli anni ’70, possiamo solo cullare l’inconfessabile nostalgia per i tempi in cui la Freccia del Sud correva veloce sotto i cieli italiani. Addio, Mennea, e grazie di tutto.

Lavoce è di tutti: sostienila!

Lavoce.info non ospita pubblicità e, a differenza di molte altre testate, l’accesso ai nostri articoli è completamente gratuito. L’impegno dei redattori è volontario, ma le donazioni sono fondamentali per sostenere i costi del nostro sito. Il tuo contributo rafforzerebbe la nostra indipendenza e ci aiuterebbe a migliorare la nostra offerta di informazione libera, professionale e gratuita. Grazie del tuo aiuto!

Precedente

Rinnovabili e crescita

Successivo

Il Punto

  1. Luigi Zoppoli

    Bello ed appassionato il ricordo della Freccia del Sud. Se lo meritava.

  2. Enrico Bisogno

    Giá, ci hai fatto commuovere, in mezzo a tutte queste notizie di economia, politica, etc. Un bel personaggio, Pietro Mennea, ieri sera i miei figli hanno capito un pezzetto di storia italiana grazie a lui

  3. Oscar Bazzotti

    Bello il ricordo ma su un punto dissento, proprio in memoria di quanto ha fatto e predicato Mennea: non è vero che uno con il suo fisico, oggi, non sarebbe indirizzato ai 200 metri. Più semplicemente, oggi si cercano delle scorciatoie, perchè è più facile costruire un paracarro ambulante che stare ore ed ore a fare esercitazioni tecniche. Ma, per chi ha passione, ambizione e voglia di lavorare, Mennea ed il suo fisico rimangono un punto di riferimento.

  4. Claudio De Maio

    Da ragazzo, del sud, a cavallo degli anni ’70 e ‘ 80 ho avuto la fortuna di potermi allenare con Lui un pomeriggio del settembre ’80, nel mitico centro di Formia.
    Un Sogno per chi come me aveva i suoi poster appesi nella stanza.
    Menna aveva vinto tutto: Europei, Olimpiandi, era primatista del mondo, eppure il pomeriggio del giorno prima stava sostenedo uno dei suoi allenamenti, l’ultima ripetuta sui 150 non era andata bene, il suo allenatore Vittori, che lo seguiva con la moto, gli consigliò di andare negli spogliaoi, ma Mennea, in quel tramonto vivo e con noi pochi “aspianti” atleti sugli spalti, non ha voluto mancare alla sua ultima ripetuta. L’ha fatta in modo perfetto, passaggio ai 100 e finale al 150 da tabella. Vittori che esclama “Ma questo è una macchina!!” noi in piedi ad acclamarlo, lui che ci ringraziava. Un bel ricordo, un esempio per tutti. Grazie Pietro per le emozioni che mi hai dato.
    Claudio De Maio

Lascia un commento

Non vengono pubblicati i commenti che contengono volgarità, termini offensivi, espressioni diffamatorie, espressioni razziste, sessiste, omofobiche o violente. Non vengono pubblicati gli indirizzi web inseriti a scopo promozionale. Invitiamo inoltre i lettori a firmare i propri commenti con nome e cognome.

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén