logo


  1. Pingback: Cipro: un altro pasticcio europeo - Lavoce - Il Fatto Quotidiano

  2. marco Rispondi
    Quella che noi chiamiamo Europa è una non democrazia (la commisiion europea non è eletta dai cittadini) voluta dalle lobby europee per attuare ben precise politiche liberistiche distruttive del bene comune, ma favorevoli ai grandi interessi franco-tedeschi (non certo alle popolazioni franco-tedesche!)- L'obiettivo, quello di distruggere le economie del sud attraverso l'imposizione di una moneta unica, si sta lentamente realizzando- Creare sacche di cinesissazione vicino a casa per poi rivendire in Cina e India e fare spesa a basso costo delle grosse aziende di Stato in Italia, una volta che saranno in difficoltà estrema. Questa è la volonta di Mastricht e basta leggere i trattati, scopiazzati dagli statuti di alcune tra le più grosse e potenti lobby europee e mondiali, per capirlo. Le follie in esso contenute dimostrano chiaramente la non volontà di creare un vero stato europeo moderno dei popoli che arricchisca le sue genti e che sia solidale - intanto, un paese, la Grecia. è già stato distrutto!
  3. matteo Rispondi
    bisogna aspettare le elezioni in Germania per avere (forse) qualche decisione significativa, pregando che nel frattempo i mercati non si spazientiscano