logo


Rispondi a Franco Annulla risposta

1500

  1. leonardo romagnoli Rispondi
    La Corte Costituzionale, con la sentenza n. 44 del 2020, ha dichiarato illegittima la norma della Regione Lombardia che subordina l'accesso alle case popolari (ERP) al possesso del requisito della residenza ultraquinquennale.
    • Mahmoud Rispondi
      Difatti una soluzione corretta non è l'esclusione tout court alle case popolari di chi non ha un certo requisito, la soluzione è assegnare un punteggio che consideri i fattori quali la durata della residenza per mettere ordine a graduatoria di libero accesso. Ci fossero più alloggi che richieste sarebbe assurdo difatti escludere del tutto dall'assegnazione chi avrebbe potuto arrivare ultimo ma idoneo anziché essere escluso a priori. Almeno finché si tratta di persona regolarmente soggiornante in territorio italiano. Sacrosanto però legare alla durata della residenza nell'ente che ci mette i soldi alla posizione in classifica. Se un Comune, Provincia, Regione (Stato?), deve spillare risorse giusto le vada a destinare prima a chi da più tempo appartiene a quel sistema sociale, rispetto all'ultimo arrivato. Ulteriore cosa scandalosa è di fatto l'impossibilità tecnica di stilare queste graduatorie senza poter conoscere se non per autodichiarazione i patrimoni detenuti all'estero da chi presenta domanda. Appare ad esempio che chi ha titolo a restare in Italia solo poiché presenta domanda di asilo sulla base del fatto che le sue ricchezze sono mira di nemici politici in Patria (!) poi veda assegnati alloggi popolari superando in graduatoria persone che, quantomeno nei Paesi di cui sono cittadini, è verificabile non posseggano alcunché.
  2. Savino Rispondi
    Chi dichiara reddito zero o vicino a zero dovrebbe avvalersi, nei fatti, dei servizi sociali comunali. Meno ISEE più legame con chi fa la fila alla Caritas.
  3. Franco Rispondi
    Equità sociale significa che chi è stato più a lungo sul territorio (italiano o extracomunitario che sia) e si trova in una condizione di disagio ha una prelazione. Funziona così anche in altre parti d'Europa e non vi è nessuno che si straccia le vesti.