logo


Rispondi a Savino Annulla risposta

1500

  1. Stefano Guffanti Rispondi
    L'importante è che gli obiettivi non siano collegati a progetti estemporanei (oggi avviene che il dipendente segue il progetto estemporaneo e trascura il lavoro ordinario che viene dato per scontato ) ma legati alla gestione ordinaria. Tradotto: se mi occupo di pagamenti o di entrate è su quello che devo essere valutato ! Oggi accade che ti assegnino un obiettivo tipo "riunioni su progetti che durano lo spazio di un mattino" e così la valutazione diventa una farsa
  2. Maurizio Daici Rispondi
    Si spera che l'esperienza dello smart work sposti l'attenzione dal tema dei furbetti del cartellino, che si sostanzia nell'ossessione per il controllo della presenza del dipendente in ufficio, a quello della produttività e della distribuzione ottimale delle risorse nella p.a. Il nodo principale diventa l'organizzazione del lavoro da parte di dirigenti che devono adottare comportamenti manageriali; dirigenti che non vengono oggi selezionati tenendo conto di tale esigenza. Del resto, la possibilità dei dipendenti di non lavorare è conseguenza del modo in cui (non) si pianifica e si verifica l'attività.
  3. gianni matellini Rispondi
    tralasciando il resto (come già verificato i dipendenti avranno tutti 10 e lode) chiedo: ma voi pensate che una buona infrastruttura di rete riuscirà a gestire da remoto i documenti che attualmente sono per la quasi totalità i polverosi "faldoni"?
  4. Luigi Calabrone Rispondi
    Anagrafe nazionale informatica. Progetto previsto da una legge del 2005. Stato attuale (dopo 15 anni): comuni collegati 6000 su circa 8000; persone iscritte: circa 45 su 60 milioni. Per andare sulla Luna, gli americani ci hanno messo di meno. Anche le statistiche sulla mortalità da Covid non sono veritiere; si pagano le pensioni ai morti, ecc. Quando sento parlare di "informatizzazione della P.A"., penso che si tratti dell'ennesima truffa. Negli ultimi 20 anni sono stati nominati almeno 5 commissari all'informatica, che hanno figurato come quelli attuali alla Sanità della Calabria. Tutta fuffa. "Italiani , siate seri", come diceva, a suo tempo, Giuseppe Garibaldi.
  5. Savino Rispondi
    Cambio di mentalità e di paradigma. Fuori gli anziani, fuori i politicizzati e i sindacalizzati, Spazio ai giovani, al merito, all'onestà.