logo


Rispondi a Amegighi Annulla risposta

1500

  1. Amegighi Rispondi
    La ringrazio per l'interessante articolo che eviscera le problematiche attuali del Trasporto. Ovviamente, penso, la sua visione analitica è una visione attuale o fattuale. Una specie di fotografia di quella che è la situazione e di come potrebbe essere nel futuro. Manca, secondo me, un'analisi di come potrebbe essere in presenza di modifiche che proprio la situazione attuale potrebbe accelerare o stimolare. Mi rendo conto che questo richiede anche l'attività propositiva di architetti o esperti nel progettare e identificare le metodologie e le strategie di sviluppo del trasporto pubblico, ma credo che questo debba essere preso in considerazione. Ad esempio, sono convinto che l'avvento dello smart working da casa/ufficio renderà superflui molti spostamenti. La velocizzazione delle decisioni con le metodiche di smart working introdotte giocoforza dal lockdown hanno reso di pubblico utilizzo ciò che ad esempio era abbastanza di uso nelle università (Skype call collettive, documenti elaborati a più mani a distanza, database condivisi eccetera) con indubbi vantaggi. Ciò porterà poi ad un migliore utilizzo delle risorse in più fornite dal trasporto pubblico (ad esempio collegamenti internet mentre ci si sposta). Un problema invece per me è il trasporto locale. Personalmente credo debba essere incentivato quello su rotaia con scambio macchina rotaia periferico e quindi decongestionante. O sistemi di questo genere, che rendano fluida l'entrata/uscita dalle città.