logo


Rispondi a jacopo Foggi Annulla risposta

1500

  1. Paolo Rispondi
    In diversi articoli apparsi prima della crisi si fa riferimento all'immensità (in proporzione) di denaro contante che giace nei conti correnti degli italiani. E' un dato reso asimmetrico dal fatto che pochi correntisti detengono la maggior parte del denaro in confronto al 90% che invece ne detiene poco?
  2. Stefano C Rispondi
    L'articolo potrebbe, a mio parere, far leva anche sulla ricchezza patrimoniale degli italiani. Una ricchezza immobilizzata soprattutto nel mattone di casa (4,6 volte il reddito disponibile), in depositi bancari e postali (il 31% della ricchezza finanziaria) e sempre meno in titoli (caduti al 7% del portafoglio dal 30% dei primi anni '90). La ricchezza reale è pari a 5,5 volte il reddito disponibile e quella finanziaria è 3,8 volte. La ricchezza totale al netto dei debiti (pari all’80% del reddito disponibile) è 8,5 volte il reddito. Perché un punto di forza degli italiani non può essere utilizzato per alleviare i costi di questa crisi? Non è forse a questo che fanno riferimento certi politici che vogliono scaricarli sul cittadino italiano?
  3. jacopo Foggi Rispondi
    Il problema è che 1, non è detto che quei 2.200 siano sufficienti a rendere conto le spese pianificate delle persone, (intese anche come affitti, bollette, rate, ecc.), essendo appunto quelle del livello di povertà; 2) se la serrata dura 3 mesi, il rallentamento economico è iniziato prima e per molti settori continuerà anche dopo, su tutti quelli del turismo, quindi quei 2.200 euro possono non bastare anche per molti altri oltre al 40% calcolato; 3) avremmo quindi comunque una fetta di popolazione che si ritrova dopo tre mesi totalmente in balia di eventuali altri eventi contingenti a cui non può fare fronte se non indebitandosi... La situazione quindi nel complesso mi sembra ancora più cupa di quella tracciata dall'articolo - occorrono interventi massicci, e mi sembra probabile che tedeschi &co stiano facendo proprio questo ragionamento per non consentirli: "voi avete tanti risparmi, arrangiatevi"