logo


  1. salvatore sacco Rispondi
    Covid19: non servono solo divieti, Essendo impossibile sapere quando finirà la pandemia è indispensabile cambiare strategia, per i motivi di seguito espressi in sintesi (analisi completa in AIM- Alleanza Istit. Meridionalisti 28-3-20) 1) Non conoscendo estensione temporale e consistenza del fenomeno , il contrasto tramite divieto è inidoneo dal punto di vista sanitario, sociale, economico e finanziario; le conseguenze potrebbero essere molto più gravi rispetto a quelle della stessa pandemia. 2) Per garantire beni e servizi essenziali devono muoversi ameno 10 milioni di persone, ergo la strategia dell’isolamento è irrealizzabile (inoltre, per fortuna, non siamo ancora in un regime totalitario !) 3) l’ inceppamento della dinamica investimenti\ consumi potrebbe determinare catastrofi nel sistema socio economico 4)senza tempistica la possibilità di sfondamento del debito pubblico è impraticabile così come la possibilità di risolutivi interventi dell’ UE ; illusori anche i c.d. “piani Marshall”. Uscire dall’ UE sarebbe poi il danno peggiore. 5) E’ sconsiderato l’uso di retoriche e mistiche : guerra, morte, eroi, “stare uniti anche se isolati” etc.. 6) c’è il rischio di panico fiscale: si adombrano patrimoniali, prelievo dai depositi, esproprio del risparmio di Cassa D e P, fino al prestito forzoso (come fece il fascismo).. 6) C’è il rischio di innesco di crisi di liquidità con sospensioni del pagamento di pensioni, stipendi, servizi alla PA Vanno sperimentati modi di contrastare il virus modificando meno possibile i comportamenti collettivi, utilizzabili anche per future pandemie . Infine appare insensato bloccare regioni del Mezzogiorno che presentano livelli di gravità del contagio inferiori alle influenze degli anni precedenti.