logo


Rispondi a Charlotte Annulla risposta

1500

  1. bob Rispondi
    se in questa "guerra" c'è un aspetto utile è l'aver messo in luce l'arretratezza di questo Paese. Se si sostiene che la finanza abbia soppiantato la politica non ha assolutamente scalfito la burocrazia. La follia regionalistica-localistica, lo smantellamento sistematico del sistema produttivo industriale, della scuola , della sanità . Questo era un Paese che doveva pullulare di centri di ricerca invece che di orrendi capannoni inutili. Ministro delle Riforme per 20 anni un perditempo del Bar dello Sport questi i risultati. La nostra non è crisi economica ma profonda e pericolosa crisi culturale.
  2. Nicola Rispondi
    Buongiorno professore. In merito al suo articolo, volevo chiederle quali misure dovrebbe a suo parere mettere in campo l'Europa a sostegno degli stati in difficoltà (in particolare l'Italia) e quali metterà in atto secondo lei? Come giudica l'utilizzo dei fondi del MES a fondo perduto per il sostegno dell'economia reale al fine di evitare il collasso del tessuto economico, anche per effetto della mancanza di liquidità?
  3. oscar blauman Rispondi
    L'economia, leggi i consumi, dovevano ristrutturarsi gia' da un po per motivi ambientali, questo scossone indichera' la strada. Non ostacoliamo i movimenti naturali con irrigidimenti del mercato. Chi ha fatto scelte di vita, leggi lavoro, sbagliate avra' un adeguamento piu' doloroso. L'opulenza generalizzata attuale fornira' l'energia libera necessaria agli aggiustmenti.
    • Luca Pesenti Rispondi
      sbagliate da che punto di vista? Le sue sono quelle giuste? Le auguro di circondarsi di persone che la pensano all'opposto, o rischia di finire vittima della sua stessa apocalisse.
  4. PURICELLI BRUNO Rispondi
    Torno alla carica, testardamente, sottolineando che in natura ogni essere ha il diritto di sopravvivere e che nel lontano passato si sopravviveva a danno di altri per molte specie. Anche la nostra società è un essere ed ha il diritto di adoperarsi per sopravvivere. Resta inteso che lo si potrà fare quando non si arreca danno ad altri (partners). Ciò premesso, creiamo un sottostante da 400 mlds su un nostro bene (10% patrimonio immobiliare o evidenza fondi dei nostri c.c.). Noi italiani sottoscriveremmo il nostro impegno a pagare tra 30 anni in caso lo Stato fallisca (impossibile). Cominceremo a far circolare titoli ad hoc sul sottostante che rappresenta, per lo Stato, un suo credito nei nostri confronti. Ridurremo tasse, aumenteremo gli stipendi, R&S, scuola e sicurezza per le strade, opere pubbliche ecc. Ci affrancheremmo dallo spread per 50 mld/a per 8 anni; non appesantiremmo il debito, non sforeremmo il 3%. Dopo 8 anni il Pil aggiunto sarà di ca 400 mld, le entrate aggiuntive varranno ca 50 mld/a. Dopo 30 anni avremo risparmiato interessi passivi >1000 mlds (interesse composto). Dato che non è una moneta parallela per il prestatore di ultima istanza (noi cittadini) e c'è un bene reale e quotato... perché tanta reticenza da parte dei politici e non solo?
    • Charlotte Rispondi
      Ma scusi, perché accontentarsi di un sottostante, ma soprattutto perché accontentarsi di un 10%. Confisca del 20% o più di tale patrimonio el il problema dello spread e del debito pubblico lo ha già risolto subito senza aspettare i 30 anni. Pensi che bellezza lo sventolio di bandiere rosse...
      • Bruno Rispondi
        E stato dimostrato che la patrimoniale aggrava la recessione e allontana i capitali. In questo caso, l'attività ed i consumi sono incoraggiati senza pesare sul debito e, migliorando intessuto culturale, civile e produttivo raggiungeremmo il punto di auto sostentamento a partire dal quale non occorrerebbe altra iniezione di liquidità perché verrebbe fornita dalle maggiori entrate grazie al Pil aggiuntivo.
  5. bob Rispondi
    " il calo dell’operatività del settore HoReCa (hotel, ristoranti e caffè) sarà parzialmente compensato dall’aumento delle vendite della grande distribuzione.." Come? Operatività a vantaggio di chi? Con tutto il rispetto per la sua cultura , ma faccio fatica a trasferire certi concetti nella realtà, che forse, temo, abbiamo perso di vista...
    • Francesco Daveri Rispondi
      Non mi sembra una cosa complicata né la pensata di uno che sta nella torre d'avorio. Se non vado al ristorante devo comunque mangiare. Farò quindi la spesa al supermercato per mangiare a casa. Naturalmente il saldo netto è negativo perché la spesa fatta in casa costa meno che andare al ristorante ma comunque c'è una compensazione.
      • bob Rispondi
        Mi perdoni professore. La compensazione che indica Lei in termini reali è ininfluente evidenziabile solo in termini di dati o percentuali. L’ operatività di un comparto così vasto come il settore HoReCa non potrà, proprio per la sua vastità, essere compensata da un kg di pasta o di riso in più. Inoltre credo che per operatività HoReCa si intende anche posti di lavoro, produttori, distributori azzerati. Nella realtà anche migliaia di quintali ipoteticamente venduti in più dai supermercati non compensano niente in termini reali, poiché il saldo è insignificante, sottolineo ancora, in termini reali.
  6. Savino Rispondi
    Tra 15/20 giorni la parola dei virologi non servirà più, poichè a qualcuno converrà persino mettere in conto il rischio virus, piuttosto che morire di fame. In Italia anche per l'economia e la politica, ogni appello al buon senso è cosa vana, occorrono implementazioni drastiche anche per le riforme strutturali, istituzionali, infrastrutturali, economiche e di welfare.
    • Luca Pesenti Rispondi
      Lei trarrà sicuramente giovamento dalle riforme strutturali imposte con la violenza, facendo parte del novero degli eletti che pensano giusto. Perché è solo una questione di buon senso, i mali della storia sono accaduti solo per mancanza di buon senso, se non ci fossero i cattivi non ci sarebbero crisi economiche, tensioni geopolitiche, povertà e nemmeno virus. E gli Italiani stando a quello che dice lei sono geneticamente sprovvisti di buon senso. Il mondo non è complesso, è la gente che è stupida! Ma meno male che abbiamo uomini come lei, disposti a distruggere la società pur di salvarla, che sanno di sapere! I sopravvissuti (sempre che ce ne siano) saranno contenti.
      • Savino Rispondi
        Il virus ha spazzato via le certezze di tanti professionisti, a partire dai medici, che, avendo un Ordine, hanno impedito a tanti ragazzi di approcciarsi a quelle libere professioni. Non è il mondo complesso, né la gente stupida, ma il modello degli affaristi e degli opportunisti da sopprimere.