Il dissesto della Popolare di Bari è un film già visto negli altri crac bancari: mutuatari diventati azionisti, una gestione manageriale dissennata e familiare (con padre e figli al comando), acquisizioni fallimentari finanziate con l’emissione di obbligazioni subordinate, vigilanza inefficace. Mentre il caso Alitalia – un’azienda che nessuno vuole comprare così com’è – ci ricorda che i disastri non avvengono solo al Sud. Via i commissari che avrebbero dovuto venderla, ne arriva uno per risanarla (1 miliardo e mezzo di buco negli ultimi due anni) o, meglio, ritagliare ciò che è cedibile. A pagare saranno i contribuenti.
Grande insuccesso per Cop25, la conferenza sul clima già ribattezzata Flop25. Unico risultato (indiretto) l’ampia mobilitazione che – speriamo – preparerà la strada alle decisioni cruciali di Cop26 a Glasgow. Un ruolo importante lo ha giocato Greta Thunberg, consacrata sulla copertina di Time come personaggio del 2019 perché esprime le giuste preoccupazioni dei giovani con immediatezza e rinfaccia i loro ritardi ai politici. Giovane, donna e competente è anche Sanna Marin, 34 anni, nuova prima ministra della Finlandia, paese con una lunga storia di parità di genere. Ma anche uno di quelli con più violenze contro le donne. La strada dell’emancipazione femminile è lunga anche dove i progressi sono più tangibili.
La prescrizione nel processo penale serve ad alleggerire il lavoro dei tribunali e a garantire all’imputato la ragionevole durata del giudizio. Ma la riforma di inizio 2019, operativa solo da gennaio 2020, rende il processo infinito. Parlamento e governo possono però ancora sfuggire a questa trappola giustizialista.

Il podcast de lavoce.info
Venerdì 20 dicembre edizione speciale de lavoce in capitolo, il nuovo podcast de lavoce.info. Qui tutte le puntate a partire da ottobre.

Lavoce è di tutti: sostienila!

Lavoce.info non ospita pubblicità e, a differenza di molte altre testate, l’accesso ai nostri articoli è completamente gratuito. L’impegno dei redattori è volontario, ma le donazioni sono fondamentali per sostenere i costi del nostro sito. Il tuo contributo rafforzerebbe la nostra indipendenza e ci aiuterebbe a migliorare la nostra offerta di informazione libera, professionale e gratuita. Grazie del tuo aiuto!