logo


Rispondi a Adele Annulla risposta

1500

  1. Adele Rispondi
    Per esperienza diretta, i nidi comunale (e convenzionati) sono pochi, se poi andiamo a vedere la fascia dei lattanti (3-13 mesi) i posti si riducono al lumicino. A questo punto chi non riesce ad entrare in un comunale (con rette abbordabili) deve rivolgersi al privato dove i costi sono altissimi e i posti sono comunque pochi. per fare un esempio io guadagno netti 1.000,00€ al mese, il nido privato costa costa 800,00€ al mese, e non è nemmeno il più costoso. A questo bisogna aggiungere il mutuo. Con questo esempio pratico si può capire come molto spesso le donne "decidano" di restare a casa. Io ho fatto la scelta, in questo supportata dal mio compagno, di stringere i denti e tirare la cinghia ma continuare a lavorare. Il fatto puro e semplice è che in Italia non ci sono politiche vere per la famiglia, altrimenti, invece di buttare soldi con bonus che non arrivano a tutti e non risolvono il problema, si investirebbe in più strutture, dai nidi fino alle elementari a tempo pieno. In fondo le tasse le paghiamo per avere dei servizi, solo che questi servizi non ci sono e quei pochi posti disponibili se li prende il furbetto di turno. E io pago.
  2. enrico Rispondi
    Quindi eliminare la spesa standard come criterio di ripartizione delle risorse.
    • Beatrice Rispondi
      In comment solo parzialmente legato all'articolo, ma che forse suggerisce a La Voce un'ipotesi da verificare: raramente (meglio: mai) l'inverno demografico italiano viene considerato in relazione all'emigrazione. Se, come si dice in in altro post, il 76% degli italiani che sono emigrati di recente sono in eta' di formare una famiglia, ai 120k emigrati (ufficialmente) solo nel 2018 vanno aggiunte, in termini di "danno" demografico, anche tutte le potenziali nascite che non avverranno in Italia. E questo succede da dieci anni almeno. Insomma, l'Italia esporta non sono cervelli e contribuenti, ma anche (potenziali) bambini. Sarebbe interessante stimare in maniera seria l'effetto cumulativo di anni di emigrazione di italiani in eta' fertile. Magari ci pensera' qualcuno de La Voce?