logo


Rispondi a Lukas Annulla risposta

1500

  1. FRANK LANTERNA Rispondi
    I 5 stelle lo predicano da sempre. Serve un unico soggetto giuridico per i commercianti del centro cittadino, ad esempio. Tutti gli altri, invece, farebbero bene a studiare il marketing. L'Italia è in crisi perché le aziende vogliono vendere come 30 anni fa. Vergogna.
  2. Lukas Rispondi
    Non dimentichiamo la quotazione in Borsa che permette di raccogliere le risorse per la crescita per linee esterne mantenendo l’indipendenza dell’impresa.
  3. mauro zannarini Rispondi
    Forse se le varie Associazioni ( PMI, CNA, Confartigianato ) si decidessero di fare impresa, riunendo in federazione le varie Aziende similari, si potrebbero creare i grandi numeri per affrontare i mercati, e volendo mantenere la creatività del piccolo e bello.
  4. Giulio Mulas Rispondi
    Sono sempre stato convinto di questaver necessità di avere in Italia un tessuto di prima che crescano. Già alla fine degli anni '70 si teorizzava la necessità di favorire le aggregazioni di imprese complementari o anche dello stesso distretto affinché inizialmente condividessero servizi in comune (io ho diretto un Consorzio Export per diversi anni) e poi si arrivasse ad una crescita che consentisse economie di scala, ma i limiti per la crescita spesso sono anche culturali (una generazione e di imprenditori poco scolarizzata e "padronale e familiare" nella quale il capo non si fida nemmeno dei propri figli), e finanziaria (un sistema bancario asfittico, pigro, protetto e clientelare che non fa crescere le aziende e non comprende le esigenze di marketing, non riconosce come garanzia altro che immobili e macchine e per niente gli investimenti in R&D, logistica, distribuzione).
  5. Maria Cristina Migliore Rispondi
    Continuo il ragionamento di Sabrina, che ha lasciato un commento prima di me. E se fosse che la frammentazione del nostro sistema economico fosse connesso al made in Italy e al nostro stile di vita e di consumo più orientato alla qualità? In fondo non tutte le imprese devono esportare beni o servizi. Esiste anche la domanda interna. Credo che avremmo bisogno di fare più ricerca economica che sappia collegare anche i temi sociali, antropologici, culturali e storici per spiegare la frammentazione aziendale italiana e per cercare una via italiana allo sviluppo per stare meglio tutte e tutti.
    • sabrina fantauzzi Rispondi
      Grazie Cristina, trovo la Sua tesi molto convincente. Credo che ciò che gli altri giudicano 'nanismo', ovvero le dimensioni ridotte del nostro tessuto industriale rispetto al gigantismo di Paesi di dimensioni molto più grandi di noi, sia in realtà la nostra forza in termini di qualità. Il made in italy non sarebbe tale e non lo sarebbe mai diventato se il tessuto imprenditoriale avesse puntato sulle macrodimensioni.
  6. Henri Schmit Rispondi
    Non dubito della fondatezza della tesi sostenuta, ampiamente condivisa. La questione riguarda quindi la leva per realizzare l'obiettivo dell’aggregazione. Incentivi come quelli del penultimo comma non nuocciono, ma non sono, temo, sufficienti. La modello imprenditoriale frammentato è dovuto alle difficoltà di prevedere il futuro, all’incertezza e alla mutabilità delle condizioni giuridiche e fiscali (...). Il più grande progresso compiuto negli ultimi 30 anni è quello di una maggiore stabilità delle condizioni finanziarie, dei tassi d’interesse peraltro bassi e del cambio fisso nell’eurozona, senza sbalzi eccessivo con l’esterno. Ma c’è chi vorrebbe rinunciare anche a questo importante vantaggio procurato dall’adesione all’euro per tornare non si capisce a quale autarchia confusionale, illusoria, ingannevole e autolesiva.
  7. Emilio Roncoroni Rispondi
    Pienamente d'accordo sulla necessità di superare il nanismo delle imprese italiane. Attenzione ai dati forniti ed alle correlazioni. Polonia a UK sono i paesi con la quota di PIL più bassa prodotta dalle PMI ma sono anche colocati attorno a Italia rispetto al rapporto Spese R&D e PIL. Quindi non emergerebbe una correlazione molto forte tra dimensione delle imprese e spese R&D. Queste ultime mi pare che sia più correlate alla specializzazione settoriale
  8. sabrina fantauzzi Rispondi
    molto interessante la ricerca. tuttavia credo che le piccole e medie imprese italiane, proprio per la loro dimensione, siano quelle che più delle altre rispondono ai criteri di unicità creativa che contraddistingue il made in italy, declinato in tutti i modi. Poi un'osservazione metodologica: parlare della necessità di fusione delle pmi e poi citare casi come quelli della FCA - Chrysler è un controsenso logico.
    • Luca Valerio Rispondi
      Gentile sig.ra Fantauzzi, gli esempi di fusioni fra grandi imprese nell'articolo non invalidano la tesi. Primo, l'articolo non parla solo di PMI ma di dimensione media delle imprese in generale (e la FIAT fra i produttori automobilistici è davvero piccola); solo nella seconda metà dell'articolo si inizia a citare le PMI che, sicuramente, sono una parte essenziale del problema italiano. Secondo, gli esempi citati sono chiaramente scelti per essere comprensibili al lettore: in quella parte dell'articolo non si stanno facendo esempi di imprese troppo piccole, ma si cerca di spiegare la differenza fra merger verticali e orizzontali, e poiché il lettore non conoscerà piccole imprese locali si fanno esempi "illustri" (non a caso si usa questa parola) che saranno chiaramente di imprese grandi e note e non solo italiane.
      • sabrina fantauzzi Rispondi
        grazie della Sua risposta, professore.
      • giorgio moise Rispondi
        Dottor Valerio, la Sua risposta è migliore di quella che avrebbe mai potuto formulare l'autore dell'articolo!! Giorgio Moise
  9. Alessandro Rispondi
    Un articolo che è come una goccia nel deserto. Continua invece inarrestabile la propaganda su quanto sia più bello "il piccolo", nostra fonte di flessibilità (mi pare di averlo letto ieri da qualche parte). Alessandro