Lavoce.info

Pregi e difetti dell’Imu

Privi di idee, i politici in campagna elettorale se la prendono con l’Imu. È un’imposta persino più impopolare di tante altre tasse, ma fondamentale per la finanza locale. Bisogna solo renderla più equa. Qui sono raccolti gli articoli sul tema de lavoce.info da fine 2011 a oggi.

Lavoce è di tutti: sostienila!

Lavoce.info non ospita pubblicità e, a differenza di molte altre testate, l’accesso ai nostri articoli è completamente gratuito. L’impegno dei redattori è volontario, ma le donazioni sono fondamentali per sostenere i costi del nostro sito. Il tuo contributo rafforzerebbe la nostra indipendenza e ci aiuterebbe a migliorare la nostra offerta di informazione libera, professionale e gratuita. Grazie del tuo aiuto!

Precedente

Lo spread secondo Monti, Brunetta e Berlusconi

Successivo

Sessanta miliardi di sciocchezze

  1. AM

    L’IMU è un’imposta pesante e si spera che in futuro possa essere almeno alleggerita. Vi è però una dimenticanza nella normativa IMU alla quale il Governo dovrebbe quanto prima porre rimedio. Consentire la detrazione delle spese per ristrutturazione o risparmio energetico dalla quota IMU che va allo Stato.

  2. andy mc tredo

    L’IMU è una tassa odiosa in quanto più gravosa dell’ICI e con meno possibilità di elusione/esenzione. In più prevede il meccanismo della compilazione di autodenunce e F24 da consegnare due o tre volte in banca o alla posta….
    Aldilà delle paure e delle gravi forme di disinformazione e confusione bisogna dire che di entrambe è sbagliato il presupposto, cioè il concetto di rendita catastale. Mi spiego, può esistere per la seconda/terza casa non affittata ma tenuta a disposizione per le vacanze (anche solo eventuali), non occupata da un famigliare, o ereditata, ma non per quella regolarmente acquistata (le tasse su quel capitale sono state pagate alla fonte, sul reddito che è stato risparmiato e sugli interessi che il risparmio ha maturato), o per la quali magari si pagano fior di rate mutuo (e allora andrebbe scorporata la parte ancora da pagare da quella effettivamente “di proprietà”). Al massimo della casa di proprietà ove si abita ci si risparmia di pagarne l’affitto : ma mi sembra un po’ eccessivo tassare il mancato canone..
    Viceversa le case date in affitto NON dovrebebro pagare IMU in quanto andrebbe tassato alla fonte, nel momento stesso in cui l’inquilino lo paga tramite bonifico bancario, il canone d’affitto; magari non con un’ aliquota bassina (23%) ma pari alla massima dell’IRPEF di volta in volta vigente, ed anche i proprietari sarebbero ben felici di poterlo fare in quanto verrebbero tassati solo gli affitti veramente riscossi e non solo quelli…

    • amegighi

      Ho guardato un po’ in giro i vari sistemi di tassazione europei, e anche il sistema americano (i siti governativi degli altri paesi sono eccezionalmente semplici e chiari al riguardo). Sostanzialmente la tassazione si basa su un equilibrio tra tasse sulle proprietà e tasse sui guadagni. La nostra IMU è una tassa di proprietà, e il principio di tassare la proprietà è quello di ridurre l’evasione (per quanto da noi, se ricordo, esistono centinaia di case non accatastate) e anche quello di favorire il ricircolo del denaro liquido (guadagni). Quindi, personalmente, sono favorevole in principio a spostare la tassazione verso la proprietà, e non ritengo esista niente di “odioso” in questo. Sono daccordo che si renda questa tassazione più equa e anche più aderente alla realtà. A titolo di esempio, la tassa sulla proprietà negli USA (e Canada) si basa sul valore reale della casa, aggiornato continuamente. Guardare come si paga questa tassa è altamente illuminante.

  3. Fulvio Krizman

    Trieste,13 febbraio 2013.
    Perchè non propongono,se non possibile l’abolizione IMU prima casa,una reale patrimoniale dove detrarre dal valore capitale dell’immobile,il valore capitale soggetto a mutuo?
    Sarebbe interessante sapere a quanto ammonta il valore dei mutui in carico agli istituti bancari,forse è lì la risposta al perchè non si fa questo tipo di proposta.
    Fulvio Krizman

  4. Pulito Paolo Oronzo

    Non vi e’ dubbio alcuno che l’IMU: 1) sulla prima casa deve ridursi il peso dell’Imposta ; 2) il calcolo e la liquidazione dell’imposta deve essere effettuata dal Comune; 3) sui fabbricati commerciali e/o industriali, l’Imposta e’ un macigno sulle imprese, oggi tra l’altro in profonda crisi.

Lascia un commento

Non vengono pubblicati i commenti che contengono volgarità, termini offensivi, espressioni diffamatorie, espressioni razziste, sessiste, omofobiche o violente. Non vengono pubblicati gli indirizzi web inseriti a scopo promozionale. Invitiamo inoltre i lettori a firmare i propri commenti con nome e cognome.

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén