logo


  1. Vincenzo Maccioni Rispondi
    Secondo me, la soluzione migliore dovrebbe prevedere uno scorporo della rete di Telecom Italia, accorparla a Open Fiber e collocare il 60% delle azioni sul mercato. TIM sarebbe solo in parte proprietaria di rete, magari snellita del grosso debito accollato da Colaninno nella scalata Olivetti, mentre la nuova Open Fiber potrebbe concentrarsi su tutta la rete, dal rame alla fibra, dalle centrali alla manutenzione.
  2. Mario Gatti Rispondi
    "Ma l’Italia è ancora al palo. Litigi e conflittualità, spesso strumentali, tra privato e pubblico, contrapposte strategie di investimento e fantasiosi modelli di governance...". Sarebbe interessante conoscere "Fatti, Nomi e Cognomi" a cui si allude, giuso per completezza dell'informazione e per dare un senso all'articolo.